Vicepresidente Federazione Tennis Ucraina: "Wimbledon? Bisogna fermare il mostro"



by   |  LETTURE 6944

Vicepresidente Federazione Tennis Ucraina: "Wimbledon? Bisogna fermare il mostro"

La Federazione tennistica ucraina ha accolto di buon grado la decisione presa dagli organizzatori del torneo di Wimbledon, che hanno bandito i tennisti russi e bielorussi dal prestigioso Slam londinese. Subito dopo l’invasione della Russia in Ucraina, Seva Kevlych, membro del movimento tennistico ucraino, aveva espresso la sua volontà in modo netto.

“So che la Russia ha pochi legami con Daniil Medvedev, ma essendo cittadino russo gioca per il suo Paese. Non dovrebbe partecipare agli eventi internazionali organizzati dall’ITF. Se non può partecipare ai tornei del Grande Slam, non può essere il numero uno.

Non dovrebbe giocare il Roland Garros, Wimbledon e gli US Open. Non mi interessa che la Russia detenga sia la Coppa Davis che la Fed Cup. Sarebbe vergognoso che fossero loro a dare inizio ai rispettivi tornei” .

Vicepresidente federazione ucraina: "Giusto escludere russi"

Questa volta, invece, a parlare pubblicamente delle vicenda è stato direttamente il vicepresidente della Federazione ucraina di tennis Evgeniy Zukin.

“Wimbledon? Hanno preso la decisione giusta e sono sorpreso che l’ATP, la WTA e gran parte della comunità del tennis non lo capiscano” , ha spiegato Zukin al quotidiano The Guardian. “Chi non punisce gli atleti russi e bielorussi gioca dalla parte del mostro( riferito al presidente russo Vladimr Putin, ndr) .

È normale che vengano applicate sanzioni economiche al Paese che ha intrapreso una guerra, anche se non tutta la popolazione russa è d’accordo con quello che sta accadendo. Se l’ATP e la WTA condividono i valori del mondo liberale, devono fare qualcosa per fermare il mostro.

Il tennis continua a ripetere che i tennisti russi non sono responsabili, ma facendoli giocare promuovono comunque la Russia. Se un tennista russo vincesse Wimbledon, verrebbe usato come una dimostrazione di dominio. Politica e sport in Russia sono mescolati.

Putin ha incontrato le star dello sport russo e ha detto loro: ‘Siete in prima linea nella lotta e nella difesa dei nostri valori’ . Quindi non possiamo chiudere gli occhi e fare finta di niente. Adoro guardare Medvedev e Andrey Rublev giocare.

Ma quando penso alla sofferenza del popolo ucraino, sento che sia sbagliato permettere ai russi di giocare e promuovere il loro sistema” .