Wimbledon - Djokovic in semifinale per la decima volta. Tutto facile contro Fucsovics



by   |  LETTURE 1678

Wimbledon - Djokovic in semifinale per la decima volta. Tutto facile contro Fucsovics

Novak Djokovic si limita a vincere. Banalmente la cosa che sa fare meglio. Il numero uno del gruppone - a caccia della ventesima perla Slam in carriera e del sesto successo ai Championships - raggiunge quanto meno il tavolone dei primi quattro sui prati di Church Road per la decima volta in carriera.

Tanto per intenderci, qualora fosse necessario ricordarlo, hanno fatto meglio solo Jimmy Connors (11) e Roger Federer. Chiamato contro Hubert Hurkacz sul Centre Court nella parte finale di giornata a fare quattordici. Con un rocciosissimo 6-3 6-4 6-4 che costruisce in poco meno di due ore di gioco, il campionissimo serbo acciuffa anche centesima vittoria in carriera sul verde e si mette in attesa da una posizione piuttosto privilegiata del vincente del match tra Karen Khachanov e Denis Shapovalov.

Djokovic in semifinale a Wimbledon per la decima volta in carriera. Fucsovics ko

Insomma: Djokovic è il principale antagonista di Djokovic. Se non altro nel corso della prima frazione. Il campionissimo serbo si ritrova sul 5-0 dopo uno schiocco di dita e paradossalmente anche sul 5-3 e Manco a dirlo ha bisogno di un turno di battuta extra (in cui recupera peraltro un quindici di svantaggio) per chiudere e mettere la testa avanti.

Il numero uno del gruppone, che viaggia a marce relativamente basse e che tenta di allungare disperatamente il numero degli scambi prolungati, flirta con il break nel corso del game inaugurale e lo aggancia sul 4-4. Alla seconda opportunità utile del game, la settima nel set.

'Nole' recupera poi da una situazione di 15-30 sul 5-4 e si trascina sul 40-30 grazie al solidissimo schema servizio-drop. Il resto è un contorno del tutto necessario. Djokovic fa il minimo indispensabile per archiviare la pratica: obiettivo di giornata risparmiare ovviamente energie.

Il cinque volte campione del torneo, che piazza il break in apertura, recupera dallo 0-40 nel game immediatamente successivo (cancellando complessivamente quattro chance per la parità) e non sfrutta una palla per il 3-0 definitivo.

Il servizio è comunque sufficiente per completare la pratica e per staccare un pass per le semifinali alla soglia delle due ore di gioco. Photo Credit: Getty Images