Wimbledon - Halep non manca l'appuntamento con la finale, k.o. Svitolina


by   |  LETTURE 1025
Wimbledon - Halep non manca l'appuntamento con la finale, k.o. Svitolina

Dalla prima semifinale ai Championships, datata 2014, Simona Halep ha vinto uno Slam e ha più volte toccato la prima posizione del ranking. A cinque anni di distanza dalla sconfitta con Eugenie Bocuard, forse una delle più sanguinose, la rumena si ripresenta sul Centre Court nel secondo giovedì del torneo e non manca l'appuntamento con l'atto finale. Contro Elina Svitolina (debuttante assoluta a questi livelli) tentenna solo nelle primssime fasi di gioco. Il 6-1 6-3 che condisce con 26 vincenti e il 70% dei punti con la prima palla vale la quinta finale in un torneo dello Slam. Adesso aspetta una tra Serena Williams e Barbora Strycova. Difficile immaginare che non tiferà per la ceca. 

Svitolina, che concentra la stragrande maggioranza delle attenzioni nei primi due game, non sfrutta nessuna delle sei chance a disposizione per muovere il punteggio e nonostante un guizzo in risposta (sullo 0-2) non trova nemmeno le armi tecniche e tattiche per tamponare le geometrie dell'avversaria. Halep, in realtà, muove il gioco in maniera perfetta, spinge benissimo con il rovescio sulla diagonale sinistra, usa addirittura un'arma come la palla corta per non dare dei veri punti di riferimento e assesta più di una semplice spallata alla partita quando rimette la testa avanti. Prima coon un mega-parziale di 4-0, che costruisce limitando al massimo il numero degli errori non forzati, poi con un break sul 3-3 in un set che gestisce invece con il 70% dei punti con la prima palla e che addolcisce con più di 10 vincenti. Svitolina vince appena quattro punti negli ultimi tre game della partita.