Rafael Nadal: "Roger Federer è probabilmente il migliore di sempre su erba"


by   |  LETTURE 13998
Rafael Nadal: "Roger Federer è probabilmente il migliore di sempre su erba"

L’eterna sfida che si ripete. Quella contro Roger Federer, la quarantesima della loro straordinaria storia, la quarta a Wimbledon, dopo le tre finali consecutive tra il 2006 e il 2008. Non può essere che incentrata su questo, la conferenza stampa dopo la vittoria su Querrey.

“Sono emozionato per la vittoria di oggi ed entusiasta di incontrare Roger, qui a Wimbledon dopo così tanti anni. So che devo giocare contro probabilmente il migliore giocatore della storia su questa superficie e so che devo giocare al meglio”.

Ecco che poi Rafa va indietro nel tempo, alle sfide che furono: “In questo torneo abbiamo giocato soprattutto due grandi incontri. Nel 2007 e nel 2008. Sono state due partite emozionanti. Personalmente quella del 2008 (vittoria di Nadal 9-7 al quinto) è stata più emozionante per me.

Ma è stato bello far parte anche della finale del 2007 ( finita anch’essa al quinto set a favore di Federer). Abbiamo giocato molte partite l’uno contro l’altro, solo agli Us Open non ci siamo mai incrociati.

Ed è l’unico rammarico”. Quando gli viene posta la domanda in cosa sono migliorati lui e Roger Federer, Rafael Nadal risponde: “ Non credo che abbiamo migliorato molto, io e Roger. Penso che siamo riusciti ad aggiungere qualcosa al nostro gioco poiché abbiamo perso qualcosa da un’altra parte.

Abbiamo bisogno di aggiustamenti a causa dell’età. L’unica ragione per cui siamo ancora qui è perché amiamo il tennis e abbiamo grande rispetto per questo sport. Io non posso giocare per più di venti settimane l’anno, quindi devo devo pianificare per migliorare ed essere competitivo ogni volta che sono in campo.

Certo, il mio rovescio è migliorato, così come la volèe, il mio slice. Ma anche così, non credo che il mio livello oggi sia superiore a quello di anni fa. E’ questione di riadattare il mio gioco.

Parlando anche di Roger, ci sono certamente molte cose che abbiamo riadattato per continuare ad essere tra i migliori al mondo”. “Sentiamo di avere la possibilità di poter competere per le cose più importanti, questo è il motivo perché giochiamo ancora con questa intensità”.