US Open - Berrettini vince e convince all'esordio: battuto Humbert. Avanza Arnaldi

Esordio vincente per l'ex finalista di Wimbledon. Kubler si ritira contro Arnaldi

by Antonio Frappola
SHARE
US Open - Berrettini vince e convince all'esordio: battuto Humbert. Avanza Arnaldi
© Vaughn Ridley/Getty Images

Matteo Berrettini non poteva scegliere modo migliore per riscattare la sconfitta subita al primo turno del Masters 1000 di Cincinnati. Il tennista italiano ha messo in mostra una delle sue più grandi qualità ed è riuscito a incidere con tutto l’arsenale a disposizione nei momenti delicati della partita disputata contro Ugo Humbert agli US Open.

Una vittoria dal sapore speciale, che permetterà a Berrettini di prendere il posto della testa di serie numero 29 e di guardare con ottimismo al prossimo appuntamento: quello con Arthur Rinderknech. L’incontro è terminato con il punteggio di 6-4, 6-2, 6-2 a favore dell’azzurro.

Humbert ha fronteggiato male la palla break concessa a Berrettini nel game inaugurale spedendo oltre la linea di fondo campo un comodo dritto. L’italiano ha protetto con cura il vantaggio e, grazie al classico schema servizio e dritto, ha cancellato una palla del contro break sul 2-1.

Le cose si sono complicate nell’ottavo game, ma Berrettini ha recuperato dallo 0-40 affidandosi a una consistente prima palla e impedito al rivale di rientrare nel set.

US Open - Avanzano Berrettini e Arnaldi. Vince anche Zverev

A procurarsi la prima chance in risposta nel secondo parziale è stato Humbert, che ha però sbagliato un fondamentale rovescio nel quarto gioco.

Il game successivo ha conferito fiducia a Berrettini: il francese ha colpito un doloroso doppio fallo e ceduto la battuta. Il 27enne ha siglato il doppio break e portato a casa il set. Al termine di una serie di game interlocutori, Berrettini ha visualizzato l’obiettivo e impugnato il martello nella parte centrale della terza frazione di gioco.

L’italiano ha spinto con il diritto e messo pressione all’avversario, costretto ad avventurarsi a rete e vivere un’altra battuta d’arresto sul 2-2. Humbert ha dato una grande mano all’avversario sulle due palle break non concretizzate sul 2-3.

Matteo Arnaldi avrebbe sicuramente voluto vincere il suo primo match agli US Open sul campo e basandosi sulle proprie forze. L’esordio assoluto nel tabellone principale del tennista italiano è durato appena 50 minuti, perché Jason Kubler si è ritirato all’inizio del primo set per un evidente problema al ginocchio.

L’australiano ha svolto il riscaldamento con una vistosa fasciatura e, nel corso del secondo game, ha richiesto l’intervento del fisioterapista. Il medical time out non ha sortito gli effetti sperati, ma Kubler ha continuato a provarci con la speranza che la situazione potesse migliorare con il passare dei minuti.

Arnaldi è apparso disorientato e ha ottenuto il break solo nel nono game, quando il rivale ha colpito un doppio fallo. Kubler, non avendo alternative, ha forzato ogni colpo giocando in maniera molto aggressiva. Dopo aver perso il servizio in apertura di secondo set, l’australiano ha deciso saggiamente di stringere la mano ad Arnaldi e ritirarsi.

Un triplo 6-4 ha consentito ad Alexander Zverev di guadagnare l'accesso al secondo turno dell'ultimo Slam della stagione. Il tedesco ha sofferto solo nel terzo set e ha gestito senza patemi la sfida con un timido Aleksandar Vukic.

Us Open Wimbledon
SHARE