US Open - Swiatek e Sabalenka ancora in lotta per la vetta del ranking

Il duello tra la polacca e la bielorussa si rinnova agli US Open

by Antonio Frappola
SHARE
US Open - Swiatek e Sabalenka ancora in lotta per la vetta del ranking

Almeno considerando il ranking, non si è giocata la migliore finale possibile al torneo WTA 1000 di Cincinnati. Iga Swiatek e Aryna Sabelnka si sono infatti arrese nel penultimo atto del Western & Southern Open. La polacca ha perso il primo parziale dopo essere stata avanti di due break, ma ha reagito nel secondo pareggiando i conti.

Coco Gauff, però, ha gestito meglio i momenti importanti del set decisivo annullando ben due palle del contro break prima di scrivere la parola fine. A eliminare Sabalenka, invece, ci ha pensato Karolina Muchova. La ceca ha dominato la terza frazione di gioco e completato la rimonta ai danni della bielorussa.

Swiatek-Sabalenka, il duello per la vetta si rinnova agli US Open

A conquistare il primo 1000 in carriera a Cincinnati è stata infine Gauff. Muchova non ha giocato una delle sue migliori partite: troppi gli errori commessi a rete e i game persi al servizio.

L'americana è diventata la prima giocatrice da Caroline Wozniacki 2008 a vincere cinque tornei del circuito maggiore da teenager.L’ultimo Slam dell’anno, ancora una volta, metterà in palio anche la vetta del ranking.

Sabalenka ha sprecato la grande occasione a Wimbledon, quando si è fermato in semifinale gettando alle ortiche il match con Ons Jabeur. Iniziando a escludere i punti conquistati lo scorso anno da entrambe agli US Open - Swiatek ha vinto il torneo battendo, tra le altre, Sabalenka in semifinale - la polacca partirà da 7955 e la bielorussa da 7966.

La naturale conseguenza di questa constatazione è che la tennista in grado di raggiungere il miglior risultato a Flushing Meadows sarà numero uno al termine del torneo. Proprio soffermandosi sull'obiettivo primo posto, al termine del torneo di Wimbledon, Sabalenka ha rilasciato alcune dichiarazioni davvero interessanti.

"Non direi che ci stavo pensando. Per me è più una questione di finire l’anno come numero 1, piuttosto che essere numero uno o due durante l’anno. Continuerò a spingere e a fare tutto quello che serve per finire l’anno come numero 1 del mondo” . Photo Credit: AFP

Us Open
SHARE