US Open, l'assenza di Rafa Nadal porta un inedito: sognano Berrettini e Sinner

Lo US Open si conferma terra di novità, di avanguardia, almeno parlando di risultati. Otto giocatori, nessun titolo nello Slam

by Alessandro Maggi
SHARE
US Open, l'assenza di Rafa Nadal porta un inedito: sognano Berrettini e Sinner

Lo US Open si conferma terra di novità, di avanguardia, almeno parlando di risultati: Kyrgios, Chacanov, Berrettini, Ruud, Sinner, Alcaraz, Rublev e Tiafoe. Otto giocatori che compongono il tabellone dei quarti di finale, nessun titolo negli Slam.

Le storie individuali negli USA

Come detto, US Open precursore dei tempi. Dal 2003 un quarto di finale senza Serena, Nole, Rafa o Roger. E Jannik Sinner che diventa, dal biennio 2007-2008, il più giovane ad aver giocato un quarto di finale in tutti gli Slam.

E ora questo nuovo dato statistico, con otto giocatori senza un titolo nello Slam, eppure impegnati nei quarti di finale in uno dei tornei più importanti del mondo. D’altronde, basta sfogliare l’albo d’oro per capire.

Qui, nel 2009, Juan Martin del Potro centrò l’unico Grande Slam in carriera, e qui arrivò il primo sorriso per Andy Murray nel 2012 e Marin Cilic nel 2014, mentre le ultime due edizioni sono andate a Dominic Thiem e Daniil Medvedev.

Entrambi ancora a quota 1 in carriera. E proprio da Cilic si riparte nel 2022, causa l’eliminazione di poche ore fa con Carlos Alcaraz, che lascia il tabellone spoglio di vittorie nel Grande Slam. Andiamo quindi a ricapitolare i titoli individuali.

Nick Kyrgios, per gli allibratori il favorito, ha come top la finale a Wimbledon di quest’anno e quattro vittorie nel tornei 500 dell’ATP Tour. Troverà sulla sua strada il russo Karen Chacanov, al terzo quarto di finale di uno slam dopo Francia 2019 e Wimbleon 2022.

A differenza dell’avversario ha nel suo albo d’oro anche un ATP 1000, il Master sul cemento di Parigi vinto contro Nole Djokovic, oltre l’argento olimpico 2021. Di Matteo Berrettini sappiamo tutto: finalista a Wimbledon nel 2021, ha giocato le semifinali negli USA e in Australia oltre a vincere 2 ATP 500, sempre al Queen’s.

Casper Ruud ha centrato invece quest’anno la finale in Francia e all’ATP 1000 di Miami in un 2022 che è il miglior anno in carriera con tre vittorie nei 250. Jannik Sinner ha completato il poker di quarti di finale nello Slam (il primo in Francia nel 2020), e ha al suo attivo il 500 di Washington e cinque titoli 250, l’ultimo a Umago il 31 luglio.

E come a Wimbledon si troverà opposto ad uno dei favoriti, Carlos Alcaraz, mai in una semifinale dello Slam, ma nel 2022 vincitore dei 1000 di Miami (unico sul cemento) e Madrid, come dei 500 di Rio e Barcellona. E chiudiamo con l’ultimo confronto.

Il moscovita Andrej Rublev non ha mai trovato una semifinale, ma è al secondo quarto nel 2022 dopo Parigi. Oro olimpico a Tokyo, ha vinto due 500, sempre nel 2021, a Monte Carlo e Cincinnati. Se la dovrà vedere con il padrone di casa Frances Tiafoe, al secondo quarto di finale dopo l’Australia nel 2019, e vincitore solo di un 250 nel 2018, in casa a Delray Beach.

Us Open Rafa Nadal
SHARE