"Non lo dimenticherò mai": Tiafoe, vittoria con Nadal e lettera d'amore alla famiglia



by   |  LETTURE 2916

"Non lo dimenticherò mai": Tiafoe, vittoria con Nadal e lettera d'amore alla famiglia

Dopo essersi comprensibilmente commosso a bordo campo, Frances Tiafoe si è presentato raggiante in conferenza stampa. Grazie a una prestazione assolutamente surreale contro Rafa Nadal, 'Big Foe' si è garantito la vittoria più dolce in carriera e l'accesso per la prima volta sul tavolone dei primi otto nello Slam newyorkese.

"Oggi ho giocato abbastanza bene. Sono sceso in campo con la consapevolezza di potercela fare e questo ha fatto la differenza. Mi ha aiutato anche il fatto che avessi già giocato contro di lui in un paio d'occasioni, ma oggi sono un giocatore completamente diverso.

Ogni volta giochiamo contro Nadal, Federer o Djokovic chiedendo se potremo farcela e questa volta ci sono riuscito. Lo racconterò ai miei figli, ai miei nipoti, spero di non giocarci più contro, ma se dovesse ricapitare spero finisca di nuova con una vittoria" Tiafoe ha parlato anche dell'importanza della famiglia e delle persone vicine.

"Sono figlio di immigrati. Mio padre voleva che giocassimo a tennis per ottenere delle borse di studio per il College perché non potevamo permettercelo. Guardando come hanno vissuto la mia vittoria, non posso neanche immaginare cosa abbiano pensato.

Non lo dimenticherò mai" Per lo statunitense una grande prova di maturità, anche per come ha gestito tutte le situazioni di pericolo del match. "Il mio obiettivo era semplicemente alzare il livello e rimanere concentrato.

Credo semplicemente sia una questione mentale, non sento alcuna pressione in questo momento. Mi sento come se non avessi nulla da dimostrare. Sono qui per giocare bene e divertirmi, altrimenti non sarie mai riuscito a vincere una partita del genre contro Nadal" Nadal, Djokovic, Federer, sì, ma non solo .

"Fa bene al tennis anche l'altissimo livello di Kyrgios. Sinner, Fritz, io. Siamo in tanti della nuova generazione a giocare un gran tennis e a dare e offrire qualcosa di diverso. Penso la nuova era dei Big 3 non ci sarà, magari seremo in dodici, ma è bello vedere le nuove generazioni avanzare" ha spiegato. Photo Credit: Getty Images