Us Open - Celestiale Kyrgios, si inchina Medvedev. Nadal a un passo dalla vetta



by PERRI GIORGIO

Us Open - Celestiale Kyrgios, si inchina Medvedev. Nadal a un passo dalla vetta

Celestiale. Dovessimo affidarci a un singolo aggettivo per defininire la prestazione di Nick Kyrgios contro Daniil Medvedev, non avremmo dubbi. Per la seconda volta in poco più di un mese (e per la quarta in cinque confronti diretti) il talento australiano batte il numero uno del mondo.

Anzi. Ex numero uno del mondo. La sconfitta ai piedi dei quarti di finale si traduce sostanzialmente con la perdita del trono a scapito di Rafa Nadal, che in linea del tutto teorica dovrebbe difendersi sostanzialmente solo dagli attacchi di Casper Ruud e Carlos Alcaraz che avrebbero comunque bisogno di vincere il torneo o di arrivare quanto meno in finale per togliere lo scettro al campionissimo spagnolo.

Che contro Frances Tiafoe avrà già la chance di definire quasi tutto il quadro. Insomma: Kyrgios fa il Kyrgios, ma nella maniera migliore. Anche se si concede addirittura il lusso di auto-annullarsi un punto, miccia che paradossalmente attiva completamente il match.

Mededev appare in balia degli umori di Kyrgios sin dal primo quindici. Quasi succube e spettatore dello spettacolo che si sviluppa dal lato opposto della rete. L'australiano nel corso del primo set non sfrutta immediatamente il break a disposizione ma mette comunque la testa avanti alla fine di un tie break folle.

La partita nel secondo set diventa più 'normale' è ad approfittarne è ovviamente il russo, che riesce a rallentare il ritmo e a pareggiare i conti con un terzo agio. Lo spettacolo ritorna nel terzo set con uno degli episodi più controversi della settimana.

Kyrgios si nega la possibilità di andare a palla break con una surreale invasione, ma proprio lì si accende definitivamente. Medvedev perde il servizio in un game da 40-0, Kyrgios si porta sul 5-3 e senza apportare particolari modifiche al copione mette la testa sul 2-1.

Il quarto set è un contorno del tutto necessario, con il russo che perde completamente il bandolo della matassa e Kyrgios che continua a tenere il piede premuto sul pedale dell'acceleratore. Forte di un vantaggio di 4-1 da custodire, il tennista australiano firma l'operazione break in un'altra occasione e chiude sul 7-6(9) 3-6 6-3 6-2.

Us Open