Us Open - Berrettini soffre ma passa: ko Grenier, terzo turno extra lusso con Murray

Un primo set da incubo, poi un 6-2 e due tie break. Così Berrettini supera lo scoglio secondo turno e raggiunge Murray

by Perri Giorgio
SHARE
Us Open - Berrettini soffre ma passa: ko Grenier, terzo turno extra lusso con Murray

Quattro set e due tie break. Di tanto ha bisogno Matteo Berrettini per scrollarsi di dosso la tensione, chiudere sul 2-6 6-1 7-6(4) 7-6(7) e raggiungere quanto meno il tavolone del terzo turno sul cemento di Flushing Meadows.

Peraltro in uno spicchio di tabellone lasciato incautamente vacante da Stefanos Tsitsipas e Taylor Fritz. Il numero due del gruppo Italia, reduce dal piuttosto agevole successo contro Nicolas Jarry alla prima uscita, lascia appunto il primo parziale per strada contro il francese Hugo Grenier prima di ricompattare il punteggio grazie a un nettissimo 6-1 (figlio di una percentuale decisamente più alta di punti con la prima palla e soprattutto di un rendimento in risposta praticamente perfetto) ma soprattutto di agganciare il tie break spartiacque nel terzo.

Berrettini, che flirta comunque con il break in avvio di terzo, sfrutta un nastro decisamente fortunato sul 2-1 15-30 Francia (ovviamente con la battuta a disposizione) per indirizzare la partita dalla sua parte. O almeno per non concedere altri punti di riferimento o situazioni ambigue.

Berrettini, che ricomincia a rispondere poco e che soprattutto non trova gli appoggi, fatica in particolar modo ad appoggiarsi sulla palla senza peso del tennista francese, che approfitta della situazione per aggrapparsi quanto meno sul 5-5.

Qualche recriminazione nel game numero undici per il tennista azzurro che sul 30-30 sbaglia un passante di rovescio abbastanza comodo. Berrettini aggancia quindi il tie break e come da logica delle cose fa valere la maggiore esperienza.

Assesta la spallata decisiva in avvio, si porta sul 2-0 grazie a una splendida soluzione servizio-dritto-dritto e firma il 3-0 con una rocciosissima prima vincente. Il resto è come da prassi un contorno del tutto necessario.
Berrettini parte col piglio giusto anche nella quarta frazione.

Manco a dirlo chiude il primo turno di battuta a zero e guadagna quanto meno il 30-30 nel gioco immediatamente successivo. Il tie break però si rivela ancora una volta il palcoscenico più democratico soprattutto per il francese, che gioca a tratti una partita perfetta.

Diverso nella forma e nella sostanza: non nel risultato. Il tennista azzurro, che cancella anche un set point, chiude faticosamente sul 9-7 e stacca un pass per il terzo turno. Ad attenderlo 'Sir' Andy Murray, che parallelamente dopo un set di sofferenza contro Emilio Nava lascia complessivamente quattro giochi per strada a cavallo tra il secondo e appunto il quarto parziale. Photo Credit: Getty Images

Us Open
SHARE