Zverev: “Ecco cosa ha compromesso il mio gioco nel tiebreak del quinto set”



by   |  LETTURE 4075

Zverev: “Ecco cosa ha compromesso il mio gioco nel tiebreak del quinto set”

Dopo essere stato in vantaggio di due set ed aver servito per il titolo nel quinto ed ultimo parziale, il ventitreenne Alexander Zverev si è dovuto arrendere all’austriaco Dominic Thiem con il punteggio di 6-2 6-4 4-6 3-6 6-7.

Si è trattato della prima finale Slam per il tedesco, che prima di oggi aveva raggiunto al massimo la semifinale agli ultimi Australian Open.

Le parole di Zverev dopo il match

Interrogato nell’abituale conferenza post partita, Alexander ha rivelato di aver dovuto combattere contro i crampi nel tiebreak del quinto set, cosa che gli ha seriamente compromesso il rendimento al servizio: “Il mio quadricipite sinistro non poteva più spingere, non mi permetteva di colpire la prima palla.

E’ stata questa la ragione di tutto”. Il giovane ha dunque proseguito: “Essere avanti due set a zero, di un break in una finale del Grand Slam per poi perderla non è facile … La partita è cambiata quando Dominic è riuscito a farmi il break, penso sia stato il primo nel terzo set.

Lui ha iniziato a giocare molto meglio e io molto peggio. E’ stato lì che il match è cambiato, anche se io ho avuto ancora tante possibilità. Ero vicinissimo ad essere un nuovo campione Major. Un paio di game in più, un paio di punti in più.

Ho avuto un sacco di possibilità nell’ultimo set, ma non le ho sfruttate”. Zverev non è certo privo di rimpianti: “Ciò che più mi ha infastidito non è stato perdere il terzo set, ma il quinto.

Ho avuto tantissime opportunità di portare a casa l’ultimo parziale e non le ho convertite. So di avere 23 anni, non credo che questa sia la mia ultima chance, penso che un giorno sarò comunque un campione del Grand Slam”.

Il finalista degli Us Open ha preferito non parlare del suo rapporto lavorativo con lo spagnolo David Ferrer: “Ho appena perso una finale Major 7-6 al quinto set. David è fantastico, l’ho già ripetuto diverse volte.

Sto imparando molto da lui, ma non mi sembra questo il momento giusto per parlare di tutto ciò”.