Zverev in finale: “Non riesco ancora a crederci. Stavo giocando molto male”



by   |  LETTURE 2086

Zverev in finale: “Non riesco ancora a crederci. Stavo giocando molto male”

La testa di serie numero 5 degli Us Open, il tedesco Alexander Zverev, ha sconfitto in un’incredibile rimonta Pablo Carreno Busta con il punteggio di 3-6 2-6 6-3 6-4 6-3. Il giovane sfiderà adesso l’austriaco Dominic Thiem nella sua primissima finale Slam.

Le parole di Zverev in conferenza stampa

Già vincitore delle ATP Finals 2018, prima di oggi Zverev aveva raggiunto al massimo le semifinali degli Australian Open 2020, superato proprio da Thiem. Alexander diventa oggi il primo tedesco a disputare la finale degli Us Open da Michael Stich nel 1994, sconfitto in tre set dal padrone di casa Andre Agassi.

“Stavo guardando il tabellone del punteggio quando ero in svantaggio di due set”, ha commentato Zverev nell’intervista dopo la partita. “Mi sono detto: ‘Non riesco a crederci. Sto disputando una semifinale in cui sono il netto favorito e sono sotto due set a zero senza alcuna possibilità.

Sto giocando malissimo’. Sapevo di dover migliorare il mio tennis. Ho deciso di procedere parziale dopo parziale e di non pensare al mio svantaggio. Alla fine, questo pensiero mi ha aiutato a ottenere la rimonta e la vittoria contro Carreno Busta che ha giocato un tennis fantastico”.

Alexander ha continuato, commentando il suo grande risultato: “E’ incredibile poter fare questo passo. Sono molto felice di essere in una finale del Grand Slam. Come ho detto dopo il match precedente, c’è tuttavia ancora un altro gradino da superare”.

L’ultimo giocatore tedesco a trionfare a Flushing Meadows è stato Boris Becker nel 1985, ma Zverev ha precisato di voler tenere saldamente i piedi per terra: “Che Becker abbia vinto quell’anno è un dato di fatto, ma dire questo è forse un po’ frettoloso.

Io non ho ancora vinto e so che domenica sarà una partita estremamente difficile. Non vedo l’ora di scendere in campo”. Grazie alla semifinale di New York, Carreno Busta tornerà lunedì in top 20.

Nel suo match di ottavi di finale, lo spagnolo è andato avanti per 6-5 e servizio contro il numero uno ATP Novak Djokovic, prima che quest'ultimo venisse squalificato per aver colpito accidentalmente una giudice di linea.