US OPEN - Ekaterina Makarova annienta la Azarenka: prima semifinale Slam!


by   |  LETTURE 1572
US OPEN - Ekaterina Makarova annienta la Azarenka: prima semifinale Slam!

Tennis - Ancora sorprese nello UsOpen femminile: dopo Shuai Peng, un'altra giocatrice trova la sua prima semifinale Slam in carriera. Trattasi di Ekaterina Makarova (che tra l'altro, in coppia con Vesnina, è ancora in corsa nel doppio e ha sconfitto le sorelle Williams), che si divora per 6-4, 6-2 la finalista uscente del torneo Victoria Azarenka e raggiunge un risultato storico per lei, che, finora, era riuscita ad ottenere negli slam solo 5 quarti di finale.

Il risultato aggiunge solo in parte inaspettato: la russa era infatti riuscita a battere l'ex-numero 1 del mondo già due volte su cinque scontri diretti, una a Eastbourne nel 2010 e l'altra (la più recente) a Madrid nel 2013.

Entrambe partono benissimo al servizio, da cui traggono il massimo per impostare un gioco vincente in attacco. Impressiona subito Vika, che nei primi game di battuta tira fuori un 90% di prime e subisce solo un 15. La prima a sbandare è infatti la russa, che in un game con troppe seconde (44% di prime a fine set) è costretta a forzare i colpi per non essere aggredita da una Azarenka fin qui perfetta: e così, tra qualche gratuito e qualche vincente subito, la Makarova è costretta a cedere il break.

L'ex-numero 1 del mondo, però, non ne approfitta e immediatamente restituisce il favore, crollando inaspettatamente al servizio, con 3 doppi falli che la condannano a perdere la battuta. Una russa rinfrancata inizia così a spingere, tirando fuori poderosi dritti (12 i vincenti finali) che mandano in tilt la difesa avversaria.

Vika si smarrisce col servizio e i colpi troppo corti non fanno che facilitare il gioco della Makarova, che alla prima occasione mette a segno la zampata e conquista il set. Nel secondo parziale gli schemi saltano e diventa battaglia vera punto su punto, con la maggior parte dei game che finiscono ai vantaggi.

Soprattutto per la Makarova, rischia di diventare il set dei rimpianti, quando fallisce nel concretizzare prima un vantaggio di 40-0 e un altro di 40-15 sul servizio dell'avversaria. Sul 3-2, però, arriva finalmente l'acuto della russa, propiziato però da un'Azarenka che sbaglia per un soffio due rovesci consecutivi e, per la frustrazione, scaglia la racchetta a terra suscitando i fischi del pubblico.

La bielorussa non riesce a trovare la reazione nemmeno di rabbia e sembra decisamente a corto di energie: con un servizio poco incisivo e un gioco corto, solo la sua combattività impedisce al match di chiudersi prima, ma la Makarova, con un grande sprint finale solido (appena 8 i gratuiti) e aggressivo, mette a segno il secondo break e conquista il match.

Victoria Azarenka, partita con la testa di serie numero 16, difendava qui la finale dell'anno scorso. Con i punti persi a causa di questa sconfitta, scenderà dalla prossima settimana al numero 24 della classifica WTA.