Emma Raducanu: “Ecco perché mi hanno bloccato Instagram durante Wimbledon”



by   |  LETTURE 24045

Emma Raducanu: “Ecco perché mi hanno bloccato Instagram durante Wimbledon”

Prima dell’edizione attuale di Wimbledon, nessuno conosceva la diciottenne Emma Raducanu: nata nel novembre del 2002, la giocatrice originaria di Toronto ma con cittadinanza britannica occupa la 338° posizione del ranking mondiale ed è entrata in tabellone grazie ad una preziosa wild card.

A sorpresa, Emma ha battuto Vitalia Diatchenko, Marketa Vondrousova e Sorana Cirstea, prenotando la sfida di quarto turno contro Ajla Tomljanovic. Dopo aver perso il primo set per 6-4, Raducanu si è dovuta ritirare sul punteggio di 0-3 nel secondo parziale a causa di alcuni problemi di respirazione.

La soddisfazione di Raducanu

Parlando per la prima volta dopo il ritiro, Emma ha spiegato il motivo per cui il suo account Instagram è rimasto inattivo durante il torneo di Wimbledon: “In realtà è stato bloccato, perché credevano che fossi un robot o qualcosa del genere”.

Commentando invece la sua incredibile corsa fino agli ottavi di finale del torneo di tennis più importante del mondo, la giovane ha dichiarato: “Non ho mai sentito un supporto come questo. Sono grata per ogni singola persona che ha fatto il tifo per me durante queste partite e per tutti i messaggi che ho ricevuto tramite social.

Voglio assolutamente ringraziare tutti coloro che sono entrati in contatto con me e mi hanno sostenuto nelle ultime due settimane”. Emma ha poi aggiunto: “Sì, ho vissuto il momento più bello della mia vita.

Voglio dire, questa settimana è stata davvero incredibile … Giocare sul campo numero uno davanti a così tanti tifosi, sono grata per questa opportunità”. Raducanu, che non aveva mai preso parte ad un evento del Grand Slam prima d’ora, entrerà tra le prime 200 giocatrici al mondo a partire dal prossimo lunedì.

Ancora in gara nel torneo femminile Ashleigh Barty, Angelique Kerber, Karolina Pliskova e Aryna Sabalenka. Il torneo di Wimbledon si concluderà il prossimo 11 luglio, in concomitanza con la finale degli Europei di calcio che potrebbe vedere proprio la presenza dell’Inghilterra.

Photo Credit: Eurosport