Zurutuza: "Roland Garros? Decisione sleale ed egoista"



by   |  LETTURE 1459

Zurutuza: "Roland Garros? Decisione sleale ed egoista"

Il Roland Garros continua a subire pesanti attacchi da tutte le parti a seguito della discutibile decisione di riprogrammare il secondo Slam stagionale a settembre per via del Coronavirus. Gli organizzatori del French Open hanno optato per una mossa a sorpresa anziché annullare il torneo, anche in relazione agli ingenti investimenti effettuati per la costruzione del tetto sul Philippe Chatrier.

Le nuove date (dal 20 settembre al 4 ottobre) entrano in rotta di collisione con la Laver Cup e con altri appuntamenti del calendario, senza dimenticare che si giocherebbe solo una settimana dopo la conclusione degli US Open.

Nelle ultime ore, anche i tornei più piccoli hanno cominciato a rispondere per le rime. Raul Zurutuza, direttore dell’ATP di Acapulco, ha condiviso su Twitter la sua opinione: “La decisione del Roland Garros di spostare il torneo a settembre è, dal mio punto di vista, sleale ed egoista.

Mostra solo il disprezzo che nutrono nei confronti degli altri tornei del circuito e apparentemente anche dei giocatori, perché non li hanno nemmeno consultati”. A queste critiche ha fatto eco il canadese Vasek Pospisil, membro del Player Council e spesso polemico negli ultimi anni.

“Questa è follia. Il Roland Garros modifica le sue date spostando il torneo una settimana dopo gli US Open. Nessuna comunicazione con i giocatori o con l’ATP. Non abbiamo voce in capitolo in questo sport. È tempo di reagire” – ha scritto.