Jack Sock, poco impegno ad Auckland: a rischio ingaggio da 100.000 dollari



by   |  LETTURE 1652

Jack Sock, poco impegno ad Auckland: a rischio ingaggio da 100.000 dollari

Non le ha mandate a dire il direttore dell'ATP 250 di Auckland Karl Budge sui giocatori che si sono rivelati le delusioni del torneo appena giocato. Tra queste sicuramente la prima testa di serie Jack Sock, battuto da Peter Gojowczyk 6-3, 6-3 in appena un'ora all'esordio lo scorso mercoledì.

Al di là del sorprendente risultato, ciò che più ha infastidito gli organizzatori è stato il comportamento di Sock, svogliato e indisponente in campo che coi giornalisti conferenza stampa. Secondo il giornale locale NZ Herald, essendo il volto principale del torneo, Sock ha firmato un contratto da 100.000 dollari solo per partecipare al torneo, ma potrebbe incassare appena 11.904$, il montepremi riservato a chi perde nel secondo turno.

Eppure non si può dire che le motivazioni non ci fossero: Sock era al primo torneo ATP stagionale, tra l'altro da campione in carica: la sconfitta gli è costata 230 punti in classifica e la perdita dell'ottava posizione, occupata ora da Stan Wawrinka.

"L'argomento commerciale, se riceverà o meno l'ingaggio, riguarda noi e Jack - ha detto Budge -. Abbiamo un rapporto di vecchia data con Jack; noi abbiamo sostenuto lui e lui per un certo numero di anni ha sostenuto noi.

Come in qualsiasi cosa, quando c'è una differenza di opinione, bisogna parlarne". Il contratto è stato concordato da tempo, e in gioco entra anche l'aspetto legale: Sock ha giocato e dunque rispettato l'impegno, e l'evento lo ha usato per promuovere l'edizione e vendere biglietti.

Alcune prove immagini dimostrerebbero la sua mancanza di impegno: sotto 6-3 5-3, si trova avanti 30-0, si fa recuperare (tra l'altro gioca anche un tweener frontale terminato largo) e perde game e partita ai vantaggi.

Se davvero venisse aperta un'investigazione, non è esclusa una multa da parte dell'ATP nei confronti di Sock. Nella possibile "lista nera" di Auckland per le prossime edizioni ci saranno probabilmente anche Ryan Harrison e Andrey Rublev, che hanno dato forfait all'ultimo per problemi fisici, facendo arrabbiare e non poco Budge, che è invece rimasto "impressionato" da Denis Shapovalov, "già prima del suo arrivo e ancora di più ora.

Prima di andarsene, ha ringraziato lo staff che è al servizio dei giocatori. Sono piccole cose che apprezzi. Non solo è un grande talento tennistico, è pure un bravo ragazzo. Penso che lui e Hyeon Chung si siano guadagnati tanti tifosi questa settimana".