Renzo Olivo minacciato da Andrey Rublev in campo! E l´argentino rilascia un comunicato



by   |  LETTURE 4498

Renzo Olivo minacciato da Andrey Rublev in campo! E l´argentino rilascia un comunicato

E' un comunicato abbastanza toccante quello che Renzo Olivo ha reso noto su Twitter. Il tennista argentino ha vissuto momenti tutt'altro che tranquilli durante il match di secondo turno contro Andrey Rublev nel Challenger di Mosca.

Olivo è stato minacciato da Rublev e per poco non veniva picchiato da uno spettatore. Il russo non è nuovo a comportamenti poco consoni: ad aprile, Fernando Verdasco lo ha aspramente criticato per la sua maleducazione. Ma ecco il comunicato dell'argentino: "Ciao a tutti, come alcuni di voi sanno, oggi ho perso nel secondo turno del challenger di Mosca e vorrei fare una denuncia pubblica con la possibilità di passarla all'ATP.

Sono deluso per cos'è accaduto durante il match odierno, in cui l'avversario ha giocato contro le regole un paio di volte e mi ha minacciato. Sono deluso perchè gli arbitri non prendono le decisioni che dovrebbero prendere.

Anche noi giocatori facciamo errori e ne paghiamo le conseguenze letteralmente, al contrario degli arbitri... Rompere le regole è qualcosa che accade di tanto in tanto. Ammetto di aver commesso alcuni errori, e di non aver rispettato le regole alcune volte.

Ma ricevere minacce durante un match quando le regole dicono che la partita dovrebbe esser sospesa, bene, questo non lo tollero. L'arbitro era consapevole di quello che stava accadendo. Tuttavia, ha deciso di non fare nulla.

Una volta che il match è terminato, a testa bassa e molto arrabbiato me ne sono andato. Mentre sono uscito dal campo, ho avvertito che qualcuno mi stava spingendo. Quel qualcuno è stato uno spettatore, pronto a bastonarmi.

Fortunatamente, ho potuto spingerlo lontano da me e anche qualcuno del pubblico l'ha fermato. Suppongo che molti di voi capiranno la mia frustrazione, oppure no. Forse altri giocatori hanno vissuto qualcosa di simile. Io però ho deciso di rendere tutto ciò pubblico, in modo da mandare un messaggio a chi sta leggendo questa lettera: questo sport "bianco", come pensiamo che sia, sta diventando sporco, e questo non è nulla di nuovo.

E' frustrante combattere con costanti minacce perchè l'accaduto odierno è avvenuto in pubblico. A volte noi riceviamo minacce tutto il tempo, da parte di scommettitori e da altre persone sui social.

Il mio obiettivo non è cambiare le cose perchè so che non cambieranno. Il mio obiettivo è poter "raggiungere" voi, nient'altro. Grazie!"