Challenger Milano - Moroni stende Coria e vince il suo primo titolo



by   |  LETTURE 2337

Challenger Milano - Moroni stende Coria e vince il suo primo titolo

Il servizio che ha chiuso la finale dell’Aspria Tennis Cup e consegnato il primo titolo Challenger a Gian Marco Moroni, non potrà mai assumere il valore di un semplice colpo vincente. È un servizio carico di emozioni, rivalsa e resilienza; capace di ripagare i sacrifici di un ragazzo che spera di poter mostrare un giorno il suo potenziale anche a chi rivendica la monumentalità degli eventi maggiori.

Dopo aver conquistato il Challenger di Milano, Moroni ha accarezzato quella terra che racchiude in sé un numero infinito di ore trascorse su un campo da tennis a inseguire un sogno, che può sembrare lontano e vicino allo stesso tempo e regalarti sensazioni speciali come quelle di oggi.

Moroni piega Coria vince il Challenger di Milano

Il ventitreenne romano ha disputato probabilmente uno dei migliori tornei della sua carriera questa settimana. L’azzurro ha sconfitto ai quarti di finale e in semifinale rispettivamente Duje Ajdukovic e Holger Rune, due dei migliori prospetti futuri, e lo ha fatto in due set senza mai dare l’impressione di poter crollare.

Moroni ha poi ottenuto in finale la prima vittoria con un top 100, contro lo stesso Federico Coria che pochi giorni fa ha dominato i suoi avversari al Moneta Czech Open. Nel primo set, è stato Moroni ad avere le prime opportunità per brekkare l’avversario nel secondo game, ma l’argentino non ha tremato e ha portato a casa il suo turno di battuta.

Dopo una serie di game interlocutori e una lunga fase di studio, il break decisivo è arrivato sul 4-3, quando l’azzurro ha trovato due dritti devastanti e costretto Coria a spedire oltre la linea di fondo un recupero impossibile.

Moroni ha poi annullato una palla break con uno schiaffo al volo e conquistato il set grazie a una straordinaria manovra difensiva nel game successivo. Il momento chiave della seconda frazione di gioco, e in generale della partita, è tutto da ricercare nel quarto game.

Un quarto game in cui Moroni ha recuperato dallo 0-40 con una calma fuori dal comune sfruttando anche il clamoroso smash lungo del rivale. Dal 3-1, Moroni non ha più concesso chance a Coria e ha chiuso con il punteggio finale di 6-3, 6-2 la sua fantastica cavalcata milanese.