Grandi novità per il tennis in Sud America, previsti 36 tornei per il 2021



by   |  LETTURE 1551

Grandi novità per il tennis in Sud America, previsti 36 tornei per il 2021

Uno degli svantaggi per i tennisti sudamericani rispetto agli europei o agli americani, è la mancanza di concorrenza nel paese. Lo sviluppo professionale dei giocatori latinoamericani è stato, per molti anni, un problema difficile da risolvere, soprattutto a causa della mancanza di tornei e di risorse finanziarie.

Tuttavia, nei prossimi giorni, verrà confermata una novità importante: da febbraio ci sarà un circuito con 36 contest (dodici Challengers, dodici M15 -ex Futures- e dodici W15 per le donne), che si giocherà nei vari paesi del Sud America, ad eccezione del Venezuela.

L'ex tennista Pulga De la Peña, (31 ° in classifica nel 1987) vissuto in Cile per 16 anni, ha utilizzato buona parte della sua quarantena per condurre colloqui e interviste su Instagram con ex giocatori sudamericani di diverse fasi e, analizzando i problemi tennistici della regione, ha notato che la maggior parte concordava su un punto: la mancanza di concorrenza, soprattutto per il secondo e terzo livello del tennis professionistico.

Entusiasta, ha presentato un progetto a un dirigente in Cile dell'azienda che si occupa di tennis nel Paese cileno e fa da sponsor all'ATP 250 a Santiago e che si era occupato dell'organizzazione del match fra Roger Federer e Alexander Zverev nel novembre 2019.

Pochi giorni dopo la visita, De la Peña ha ricevuto la risposta che desiderava. L'azione regionale di Unilever verrà aggiunta al progetto e contribuirà con oltre un milione di dollari per finanziare il tour che si chiamerà "Circuit Dove Men & Care South American Legion"

Euforico, De la Peña ha iniziato a contattare i leader del tennis in Sud America per creare una sinergia e guidare il tour, e ha trovato un feedback molto positivo. Ha contattato l'ATP e la International Tennis Federation per richiedere supporto e date, e anche la risposta è stata favorevole.

In questo modo, De la Peña consegnerà il prodotto quasi pronto alle federazioni di ogni paese, che saranno quelle che definiranno in quali club si giocheranno i tornei (saranno finanziati in percentuale molto alta).

Nuovi tornei challenger e futures per il Sud America

Il 15 febbraio, a Concepción, in Cile, si giocherà un Challenger organizzato da De la Peña con lo stesso sponsor del tour, anche se non ne farà parte e fungerà da extra.

I tornei partiranno sulla terra, ma è allo studio la possibilità di organizzare gare su altre superfici. La firma del contratto con Unilever sarà di due anni, con l'intenzione di prorogarlo nel tempo.

Inoltre verrà aggiunto un accordo con la COSAT (South American Tennis Confederation) per formare i giocatori dando loro istruzioni su doping, scommesse, rapporti con la stampa e rapporti con gli sponsor. È stato creato un consiglio di amministrazione in cui, oltre a De la Peña, ci sono il paraguaiano Camilo Pérez (presidente della COSAT), l'uruguaiano Rubén Marturet (vice presidente di tale entità), il brasiliano Guga Kuerten e la sua Fondazione, il colombiano Santiago Giraldo, l'ecuadoriano Nicolás Lapentti, il peruviano Luis Horna, il boliviano Hugo Dellien, l'uruguaiano Pablo Cuevas e l'argentina Mercedes Paz (capitano della squadra Billie Jean King Cup, ex Fed Cup), tra gli altri.