Challenger e Futures - Bene Gian Marco Moroni a Todi, Wawrinka trionfa a Praga



by   |  LETTURE 1857

Challenger e Futures - Bene Gian Marco Moroni a Todi, Wawrinka trionfa a Praga

Nel Challenger di Todi (Italia), c’è da segnalare il buon cammino di Gian Marco Moroni. Il 22enne romano non è riuscito ad agguantare la sua terza finale a livello Challenger, lasciando strada al tedesco Yannick Hanfmann con il risultato di 7-6 6-1.

Il padrone di casa, che si era sbarazzato con autorità di Altmaier e Stebe, sembrava aver messo in cascina il primo set grazie ad un avvio di incorniciare. Issatosi sul 4-0, è arrivata la reazione del numero 7 del seeding, che dapprima ha rimontato lo svantaggio e poi ha messo la freccia nel tiebreak.

L’inerzia era ormai tutta dalla parte di Hanfmann, che nel secondo set ha alzato i giri del motore quel tanto che bastava per garantirsi il meritato accesso in finale. In precedenza, Yannick aveva eliminato anche Marco Cecchinato, al suo primo torneo dopo il lockdown.

Al siciliano non è bastata una discreta prestazione, visto che Hanfmann si è imposto con un duplice 6-4 senza mai dare l’impressione di perdere le redini del match. Quarti fatali anche all’altro azzurro Federico Gaio, battuto 7-5 4-6 6-4 dalla stellina francese Hoang, testa di serie numero 6.

Wawrinka vince a Praga, Quinzi rimandato

Intanto a Praga, nell’altro torneo Challenger in programma questa settimana, Stan Wawrinka ha rispettato i pronostici della vigilia e ha messo in bacheca il trofeo. Ombre e luci per il tre volte campione Slam, obbligato a cedere un set in quattro delle cinque partite disputate nella capitale ceca.

Il circuito ITF è ripartito dall’Austria, a Vogau, dove era impegnato anche il nostro Gianluigi Quinzi. Il marchigiano si è reso autore di una buona rimonta al debutto contro il francese Martineau, facendo intravedere sprazzi di ottimo tennis soprattutto nel terzo set.

L’ex campione di Wimbledon junior non è stato in grado di ripetersi al turno successivo, raccogliendo la miseria di tre game contro Manuel Guinard. Il transalpino si sarebbe poi aggiudicato il torneo in finale su Kuzmanov, una lieve consolazione per un Quinzi ancora lontano dal top della forma.