Challenger e Futures - Seppi sottotono a Dallas, bene Caruana e Giustino



by   |  LETTURE 876

Challenger e Futures - Seppi sottotono a Dallas, bene Caruana e Giustino

1) Nel Challenger di Dallas (Stati Uniti) ha deluso l’unico azzurro iscritto al main draw, Andreas Seppi, uscito già al secondo turno per mano dell’austriaco Jurj Rodionov con il risultato di 6-3 6-4. Il veterano altoatesino non ha brillato dopo un ottimo Australian Open, in cui aveva messo paura a Stan Wawrinka arrendendosi soltanto al quinto set. Il pupillo di Max Sartori proverà a riscattarsi la settimana prossima al New York Open, dove sarà chiamato a difendere i colori dell’Italia insieme a Paolo Lorenzi. Il primo ostacolo sul suo cammino è il bosniaco Damir Dzumhur.

2) Nel Challenger di Launceston (Australia) il migliore degli italiani è stato Liam Caruana, capace di estromettere in sequenza avversari più quotati come Jeremy Beale, Yannick Hanfmann e Tung-Lin Wu. Il numero 502 ATP ha ceduto 7-6(0) 6-3 al padrone di casa Alex Bolt, che a Melbourne aveva messo in seria difficoltà Dominic Thiem. Positiva anche la settimana di Lorenzo Giustino, che ha sfiorato l’accesso in semifinale prima di lasciare strada al belga Kimmer Coppejans al termine di una maratona di quasi tre ore (7-6 5-7 6-4).

3) A Sharm-el-Sheikh (Egitto) il titolo è andato al nostro Alessandro Bega, che ha concesso due soli set in tutta la settimana. Il numero 2 del seeding ha liquidato in finale il ceco Gengel imponendosi 6-4 6-2 dopo aver sofferto più del previsto nei quarti e in semifinale. Bene anche il connazionale Andrea Picchione, spintosi contro pronostico fino ai quarti. La sua cavalcata si è interrotta dinnanzi allo spagnolo Pablo Vivero Gonzalez, che ha prevalso 6-2 6-4 facendo leva sulla sua maggiore esperienza a questi livelli.

4) Ad Antalya (Turchia) uno splendido Giovanni Fonio si è aggiudicato il titolo a coronamento di una settimana memorabile. Il 21enne di Novara ha rimontato in finale il più esperto Vrbensky chiudendo 4-6 6-4 6-3 dopo oltre due ore di battaglia. In semifinale, Fonio aveva portato a casa il derby con Davide Galoppini con un duplice 7-5, frutto di un rendimento più elevato nei momenti cruciali della sfida.

5) A Cancun (Messico) è sfumato sul più bello il sogno di Verena Meliss, obbligata a subire la rimonta della brasiliana Ingrid Gamarra Martins quando il titolo sembrava a portata di mano. 6-7(4) 7-5 6-4 lo score in favore della quinta testa di serie, abile a girare l’inerzia nelle fasi conclusive del secondo set. Resta comunque buonissimo il torneo della 22enne azzurra, che ha onorato al meglio la sua seconda finale nel circuito ITF.