Challenger e Futures - Jannik Sinner sempre più vicino alla Top 100


by   |  LETTURE 3009
Challenger e Futures - Jannik Sinner sempre più vicino alla Top 100

1) Nel Challenger di Mouilleron-le-Captif (Francia) è terminata in semifinale la buonissima cavalcata di Jannik Sinner, che è sempre più vicino a fare il suo ingresso nella Top 100. Il 18enne altoatesino ha ceduto al padrone di casa Mathias Bourgue con il risultato di 6-4 4-6 7-6(6) dopo aver sciupato un match point nel tiebreak decisivo. Il giovanissimo talento azzurro si è fermato ad un passo da una magnifica rimonta, che gli avrebbe consentito di raggiungere la sua quarta finale a livello Challenger (dopo Bergamo, Ostrava e Lexington). Ad aggiudicarsi il titolo è stato lo svedese Mikael Ymer, giustiziere dello stesso Bourgue in due rapidi set.

2) A Santa Margherita di Pula (Italia) Giulio Zeppieri ha conquistato il suo primo titolo in singolare battendo in finale il brasiliano Sant’Anna grazie allo score di 6-3 6-2. Il tennista di Latina ha messo in mostra tutti i progressi effettuati nel recente periodo, un ottimo biglietto di presentazione in vista delle qualificazioni delle Next Gen Finals. “Ho disputato un buonissimo torneo, anche se forse non ho espresso il mio miglior tennis. Prima dell’1 novembre, data di inizio delle qualificazioni, non giocherò alcun torneo. Voglio presentarmi nelle migliori condizioni” – ha commentato un emozionato Zeppieri.

3) A Burgas (Bulgaria) ha trionfato uno splendido Fabrizio Ornago, bravo a rispettare il suo status di numero 1 del seeding. Il tennista azzurro ha approfittato anche del ritiro in finale dell’ungherese Nagy, obbligato ad alzare bandiera bianca dopo aver perso nettamente il primo set. Il 27enne lombardo aveva rischiato parecchio soprattutto all’esordio, dovendo rimontare lo sloveno Kupcic fino al 3-6 6-2 6-2 conclusivo. Il brivido iniziare ha contribuito ad innalzare il rendimento di Ornago, che ha messo la ciliegina su una settimana impeccabile.

4) A Santa Margherita di Pula (Italia) Martina Trevisan è rimasta beffata sulla linea del traguardo, rendendo purtroppo vano il sostegno del pubblico amico. La prima testa di serie si è arresa alla scatenata argentina Podoroska, impostasi meritatamente con il punteggio di 7-6(5) 6-1 in un’ora e mezza di gara. La giocatrice albiceleste aveva eliminato in semifinale l’altra azzurra Elisabetta Cocciaretto, uscita dal campo tra gli applausi dei suoi tifosi nonostante il 7-5 6-2 finale. Quarti fatali a Corinna Dentoni e Angelica Moratelli, autrici di un buon torneo su una superficie congeniale alle loro caratteristiche.

5) A Tabarka (Tunisia) Martina Colmegna e Aurora Zantedeschi non sono riuscite ad andare oltre la semifinale, proprio quando ci si attendeva un derby tricolore nell’ultimo atto. La numero 1 del tabellone ha incassato la rimonta della slovena Lovric pagando un repentino calo nel secondo e terzo set (3-6 6-2 6-2), mentre la connazionale ha racimolato appena cinque game contro la futura vincitrice del torneo Stamatova (6-3 6-2).