Atp Rio - Berrettini guida il seeding, pericolo Alcaraz. Giorgi sfortunata a Dubai



by   |  LETTURE 3905

Atp Rio - Berrettini guida il seeding, pericolo Alcaraz. Giorgi sfortunata a Dubai

Da lunedì 14 febbraio torna l'appuntamento dell'Atp 500 di Rio de Janeiro in Brasile. Anche quest'anno il torneo sudamericano avrà diversi tennisti migliori al mondo ai nastri di partenza e pronti a dare il massimo per farsi spazio nel tabellone e cercare di regalarsi l'opportunità di giocarsi il titolo della competizione.

L'italiano Matteo Berrettini tornerà in campo proprio in questa occasione dopo la semifinale raggiunta agli Australian Open, primo Grande Slam della stagione: guiderà il seeding e grazie al consueto 'bye' per le prime quattro teste di serie comincerà la sua avventura dal secondo turno.

Ai quarti di finale l'italiano potrebbe incontrare nuovamente lo spagnolo Carlos Alcaraz, desideroso di rivincita proprio dopo la sconfitta in terra oceanica rimediata dal 25enne romano. Il numero 6 al mondo è sicuramente uno dei favoriti alla vittoria finale, il rivale principale sarà sicuramente il norvegese Casper Ruud, ancora impegnato a Buenos Aires (sfiderà Diego Schwartzman, che sarà presente anche a Rio).

Tanta Italia nel tabellone: Lorenzo Sonego debutterà col serbo Djere, sullo sfondo un confronto interessante ai quarti proprio con Ruud. Dopo la finale di doppio in Argentina, Fabio Fognini si concentrerà su questo evento, nel quale esordirà con Facundo Bagnis.

In caso di successo, ad aspettarlo il numero 4 del draw Pablo Carreno Busta.

Le donne di scena a Dubai

Anche in campo femminile sarà in programma un Wta 500, a Dubai, luogo in cui saranno poi impegnati gli uomini.

Un'agguerrita Aryna Sabalenka sarà la testa di serie numero uno del tabellone: la bielorussa vorrà a tutti i costi riscattare la debacle degli Australian Open e rispettare i pronostici della viglia, che la registrano naturalmente tra le favorite.

Tra le principali avversarie ci saranno sicuramente la ceca Barbora Krejcikova, le spagnole Paula Badosa e Garbine Muguruza. Presente anche l'azzurra Camila Giorgi, che non è stata assolutamente fortunata col sorteggio (un fattore che la sta penalizzando praticamente dall'inizio dell'annata).

Primo incontro davvero molto ostico per la ragazza di Macerata con l'esperta ceca Petra Kvitova. Poi, ad attenderla se dovesse riuscire a vincere, proprio Sabalenka. L'italiana è dunque chiamata a delle prove di grande spessore per ottenere un grande risultato a Dubai.