Atp Montpellier - Draw: Sinner-Murray al secondo turno? C'è anche Sonego



by   |  LETTURE 3633

Atp Montpellier - Draw: Sinner-Murray al secondo turno? C'è anche Sonego

Reduce dalla vittoria nel “250” di Melbourne – il numero uno del gruppone – ma anche dalla sconfitta contro Denis Shapovalov nello Slam downunder, complice soprattutto una condizione fisica non impeccabile, Jannik Sinner ha puntato al tetto di Montpellier per ripartire.

Il talentino azzurro, numero cinque del seeding, dopo il primo turno con Aljaz Bedene (battuto una manciata di settimane fa proprio a Melbourne) potrebbe trovare sulla carreggiata Andy Murray. Finalista nel Challenger di Biella e di nuovo a caccia di vittorie nel circuito maggiore.

Nello stesso spicchietto di tabellone, con vista sui quarti di finale, il peggiore potrebbe essere invece il polacco Hubert Hurkacz. Nella parte più bassa, presidiata dal numero due David Goffin, troviamo invece la seconda presenza azzurra.

Lorenzo Sonego esordirà contro il classe 2000 Hugo Gaston, noto probabilmente ai più per la straordinaria sfida sul rosso di Bois de Boulogne contro Dominic Thiem della passata stagione, prima di ritrovare eventualmente Sebastian Korda.

Numero uno del tabellone è Roberto Bautista Agut, battuto piuttosto mestamente da Radu Albot agli Australian Open.

Si gioca anche a Singapore: per l’Italia c’è Marcora

Sorteggiato anche il tabellone del “250” di Singapore – probabilmente il più debole dei tre settimanali – con Adrian Mannarino a rivestire il ruolo del numero uno e Roberto Marcora come unico rappresentate per la pattuglia azzurra.

Piuttosto sfortunato il tennista lombardo, che in caso di vittoria al primo turno contro il redivivo Ernest Gulbis (battuto da Lorenzo Musetti nel Challenger di Biella, il secondo) troverebbe proprio il regolarista francese.

Da segnalare nel tabellone anche la presenza di Marin Cilic e di Alexandr Bublik. Dalle qualificazioni il tennis azzurro potrebbe comunque salire con Matteo Viola (al turno finale dopo la netta vittoria ai danni dello statunitense Alex Lawson) ma anche Alessandro Bega.

Reduce invece dal successo nel “derby” con Fabrizio Ornago. Photo Credit: Getty Images