Iga Swiatek: "L'esperienza aiuta. E se raggiungessi i quarti di Wimbledon..."

La tennista polacca ha rilasciato una lunga intervista in conferenza stampa

by Giuseppe Di Lauro
SHARE
Iga Swiatek: "L'esperienza aiuta. E se raggiungessi i quarti di Wimbledon..."

Iga Swiatek prosegue spedita la sua rincorsa al suo secondo Roland Garros consecutivo. La tennista polacca, che ha ottenuto l’accesso ai quarti di finale dove affronterà Coco Gauff in quella che sarà la rivisitazione della finale della passata stagione, ha concesso le briciole fin qui alle proprie avversarie.

A soli 22 anni la sua già grossa esperienza è un bene per lei "Mi aiuta molto, ma direi che mi aiuta ancora di più nella prima parte del torneo” -debutta in conferenza la polacca- “Ricordo i miei primi Grandi Slam: al quarto turno ero già esausta, sia mentalmente che fisicamente.

Ogni partita era molto difficile per me dal punto di vista mentale. Ora sono in grado di elaborare tutto un po' meglio. Nella prima parte del torneo penso che sia molto importante conservare le forze per i turni successivi, anche se cerco di non pensarci e di dare il 100% in ogni partita.

L'esperienza aiuta, sì, sento di aver già giocato così tante partite che forse ci saranno altre opportunità, ma la cosa più importante resta giocare ogni giorno il miglior tennis possibile”.

Su cosa cambierebbe di questo sport "È una domanda complicata. Sento che questo è uno sport tradizionale ed è bene che rimanga tale. Allo stesso tempo, ci sono stati alcuni cambiamenti, come il tie-break nel terzo set nei Grandi Slam o la possibilità di indossare abiti colorati.

Solo a Wimbledon non è cambiato, ma va bene così, hanno le loro regole ed è questo che rende Wimbledon Wimbledon. Cosa cambierebbe? Direi che non ho mai avuto problemi con il fatto che il mio sport sia "quello tradizionale", quindi forse cambierei alcune cose che non hanno nulla a che fare con questa tradizione.

Mi piacerebbe non avere una stagione così lunga, che diventa sempre più lunga ogni anno. Per la nostra salute, un giorno sarebbe bello poter smettere di prolungare la stagione, anche se so che è una questione di business.

Swiatek parla delle prossime sfide

Se è positivo o negativo aver giocato solo sei partite oggi, prima dei quarti di finale "Ha vantaggi e svantaggi. Ho giocato due partite molto brevi, due giorni fa e oggi. Questo mi porterà ad aggiungere più intensità e volume all'allenamento di domani.

Ne parlerò con il mio allenatore, ma allo stesso tempo penso che sia comunque una situazione migliore rispetto a quella di giocare tutti e tre i set ed essere fisicamente distrutto. Essere nei quarti di finale è fantastico e mi sento ancora fresco.

Sono più le notizie positive che quelle negative. Ho già avuto alcuni tornei in cui le mie prime partite sono state veloci e tutto è andato bene. Ho esperienza in merito". Di nuovo contro Gauff come la passata stagione "Da un lato conosco il suo gioco, so cosa si prova a giocare contro Coco.

D'altra parte, giocando così tante partite l'una contro l'altra, sai sempre che c'è la possibilità di fare qualcosa di diverso dal punto di vista tattico. Conosciamo già a fondo i nostri giochi, e questo ha vantaggi e svantaggi quando si tratta di preparare la partita.

L'anno scorso è stata una finale e credo che le finali abbiano regole diverse. Di solito queste partite sono un po' diverse dal resto dei turni, a causa della pressione e del rumore che c'è sempre. La partita di quest'anno è completamente diversa, il torneo è completamente diverso.

Devo essere preparato, a prescindere da quello che è successo l'anno scorso. È ancora speciale raggiungere i quarti di finale di un Grande Slam? "Dipende: se raggiungessi i quarti di finale a Wimbledon, sarei euforica e non riuscirei ancora a credere a quello che è successo (ride n.d.r).

Credo che dipenda. Ho sempre pensato che al Roland Garros avrei potuto fare grandi cose. Alla mia prima apparizione qui ho raggiunto gli ultimi 16 anni. Non ho mai voluto darlo per scontato, perché ogni torneo è una storia diversa e tutti possiamo soffrire e avere avversari molto duri nei primi turni, ma mi sento molto concentrato e molto solido qui.

Sono felice di aver raggiunto i quarti di finale e ogni anno darò il massimo per raggiungere questi turni e oltre. Ovviamente tutto dipende dalla superficie e dal torneo".

Iga Swiatek Wimbledon
SHARE