Roland Garros - Troppo Alcaraz per Cobolli. Subito fuori Martina Trevisan

Niente da fare per i due tennisti italiani al primo turno del Roland Garros

by Antonio Frappola
SHARE
Roland Garros - Troppo Alcaraz per Cobolli. Subito fuori Martina Trevisan

Solo dodici mesi fa, proprio al Roland Garros, Martina Trevisan ha vissuto un vero e proprio sogno. Un sogno che le ha permesso di raggiungere per la prima volta le semifinali in un torneo del Grande Slam e conquistare un cospicuo numero di posizione in classifica.

Quest’anno, però, quel sogno si è probabilmente trasformato in un incubo. Tra tutti gli scenari possibili, di fronte agli occhi di una disorientata Trevisan si è palesato quello peggiore. L’azzurra non è riuscita mai a entrare veramente in partita e ha commesso errori inusuali per una tennista del suo calibro.

A rendere tutto ancora più amaro ci ha pensato la super prestazione di Elina Svitolina, tornata in campo a Charleston solo lo scorso aprile dopo la maternità e i complicati momenti trascorsi a causa della guerra scoppiata nel suo Paese.

Una sconfitta dura da digerire, soprattutto considerando la favola che ha accompagnato Trevisan nel 2022 a Parigi.

Roland Garros - Alcaraz batte Cobolli. Fuori Trevisan

Entrambe hanno iniziato bene il match al servizio, ma Trevisan ha staccato la spina e perso concentrazione sul 3-2: un doloroso doppio fallo ha accesso il semaforo verde nella mente di Svitolina.

L’ucraina ha continuato a spingere nei suoi turni di battuta e ha chiuso i conti siglando il doppio vantaggio. Nella seconda frazione di gioco, lo schema non ha subito variazioni: Trevisan è stata costretta a spostarsi da una parte all’altra del rettangolo di gioco e ha subito ceduto la battuta tentando un proibitivo recupero.

Svitolina non ha abbassato il suo rendimento e, a suon di vincenti, ha allontanato con vigore ogni pensiero di rimonta nella testa di Trevisan. Il pesante 6-2, 6-2 imposto da Svitolina alla 29enne di Firenze rappresenta il reale manifesto di un match che non ha mai avuto storia.

Lo stesso è accaduto a Flavio Cobolli, chiamato a fare il suo esordio in un torneo del Grande Slam contro il grande favorito Carlos Alcaraz. L’italiano ha purtroppo recitato la parte della vittima sacrificale per due set e mezzo, perché il numero uno del mondo ha voluto lanciare un chiaro messaggio a tutti i suoi rivali sin dal primo 15.

Lo spagnolo ha letteralmente dominato l’incontro e inflitto un severo 6-0, 6-2, 7-5 a Cobolli. Alcaraz ha brekkato il suo rivale odierno nel game inaugurale grazie a un magnifico rovescio lungolinea. Cobolli ha provato a combattere senza pensare troppo alla qualità del tennis espresso dallo spagnolo e al risultato, ma nel primo set il suo score non si è mai aggiornato.

Un break a zero di Alcaraz ha aperto la seconda frazione di gioco e fatto scattare l’allarme. Cobolli, però, ha tamponato la difficile situazione aggiudicandosi il primo gioco sul 2-0. L’azzurro ha cercato nuove soluzioni e tenuto botta giocando quasi alla pari in alcuni scambi prolungati, ma il punteggio ha ancora premiato nettamente il fenomeno di Murcia.

Cobolli si è procurato due palle break consecutive nel quarto game del terzo parziale, ma Alcaraz ha gestito alla perfezione il momento negativo e allungato. L'italiano ha annullato con coraggio tre match point e ristabilito la parità sul 5-5, ma Alcaraz non ha fatto scherzi e ha solo ritardato di qualche minuto la fine.

Tornano a sorridere a Parigi Stan Wawrinka e Diego Schwartzman. I due non stanno vivendo un periodo positivo e puntano a ritrovare parte di quella fiducia che ha contraddistinto il loro passato nel circuito maggiore. Lo svizzero e l’argentino hanno superato rispettivamente Albert Ramos-Vinolas e Bernabe Zapata Miralles al quinto e decisivo set.

Anche il prossimo avversario di Matteo Arnaldi ha dovuto lottare per quasi quattro ore per guadagnare l’accesso al secondo turno del Roland Garros. Si tratta di Denis Shapovalov, che ha estromesso dal torneo Brandon Nakashima.

Tutti i risultati del Day 2

Photo Credit: Reuters

Roland Garros Alcaraz Martina Trevisan
SHARE