Roland Garros - Swiatek eguaglia Henin: in semifinale la sfida con Kasatkina



by   |  LETTURE 2447

Roland Garros - Swiatek eguaglia Henin: in semifinale la sfida con Kasatkina

Grazie alla trentatreesima vittoria consecutiva, Iga Swiatek eguaglia la terza striscia di successi più lunga della storia del tennis femminile, quella di Justin Henin nel 2008, punta alle sorelle Williams (Serena 34, Venus 45) ma soprattutto si accomoda sul tavolo delle prime quattro al Roland Garros per la seconda volta in carriera.

La campionessa edizione venti-venti, pur senza ricorrre agli straordinari, gioca una partita piuttosto ordinata contro Jessica Pegula, che si ferma sostanzialmente sul 3-1 nel cuore del primo set. La numero uno del mondo vince otto dei successivi nove giochi e nonostante qualche macchia, comprensibile contro una giocatrice che dà poco ritmo e che non crea pensieri troppo negativi, rafforza il vantaggio ai piedi del traguardo e ferma il cronometro dopo una novantina di minuti con un 6-3 6-2.

La tensione detta ovviamente le condizioni della sfida che inaugura il programma del day-11 sul Philippe Chatrier. A fare 'meno-peggio' comunque è Daria Kasatkina, più regolare e soprattutto meno fallosa contro una Veronika Kudermetova che dilapida un break di vantaggio nel cuore del primo set e che accusa anche qualche acciacco fisico nella parte finale del secondo set.

'Dasha' serve con risultati piuttosto modesti per il match sul 5-4, ma chiude definitivamente al tie break. Anche se ha bisogno degli straordinari per capitalizzare un mega-vantaggio iniziale di 6-1. Kudermetova, che si fa sotto fino al 5-6, non trova però il guizzo per darsi un'ultima chance.

Finisce 6-4 7-6(5).

Trevisan-Gauff nella parte bassa

A contendersi un posto in finale nella parte bassa del tabellone saranno quindi Coco Gauff - che in uno Slam non aveva mai superato il taglio del quarto turno - ma soprattutto la 'nostra' Martina Trevisan.

Per la tennista azzurra, reduce da un filotto di dieci vittorie consecutive e oramai ai piedi della Top 20, la chance di rendere straordinaria una due-settimane già da superstar. La bandiera italiana manca in una finale Slam dal 2015. Inutile ricordarla. Photo Credit: Getty Images