Mouratoglou: "Rune non ha paura di nessuno. Alcaraz? Ecco perché si somigliano..."



by   |  LETTURE 3903

Mouratoglou: "Rune non ha paura di nessuno. Alcaraz? Ecco perché si somigliano..."

Holger Rune è stata la sorpresa più grossa degli ottavi di finale del Roland Garros. Il giovane tennista danese ha superato in quattro set il finalista della passata edizione Stefanos Tsitsipas sfoderando una prestazione maiuscola.
Tantissimi sono stati gli elogi nei confronti del 18enne, tra questi anche il famoso allenatore di tennis Patrick Mouratoglou il quale ha pubblicato un video sul suo canale ufficiale instagram per elogiare la sua prestazione

"Penso anche che la terra battuta si adatti bene al suo gioco, è forte.

Ha le capacità fisiche. Colpisce la palla con forza. È bravo in difesa e in attacco. Ha un gioco molto completo. Può colpire forte su entrambi i lati e si muove bene, copre bene il campo, credo che la sua qualità numero uno e quella numero due sia la capacità di credere in se stesso e di essere competitivo.

Non ha paura di nessuno, crede di poter battere chiunque, come Carlos Alcaraz. E ci sta riuscendo perché sta battendo giocatori di alto livello”. Nel video pubblicato sul suo account instagram ufficiale, Mouratoglou ha parlato anche di quella volta che incontrò Rune quando era adolescente, spiegando già da allora cosa gli aveva colpito:

“La cosa più importante, ovvero la mentalità, la competitività e il fatto che vivesse il sogno di diventare un top player ogni singolo momento della giornata, questo lo aveva già.

Questo è ciò che ha attirato la mia attenzione", ha detto Mouratoglou.

Infine l’attuale tecnico di Simona Halep ha anche parlato dell’ascesa che ha avuto il danese già da quando era un ragazzo:

"È uno che è sempre stato in grado di vincere.

Era al top in Europa sotto i 14 anni. Poi ha vinto il Grande Slam da juniores ed è diventato numero 1. Qualsiasi cosa facesse, ad ogni età, era sempre al top. Ha avuto a che fare con un sacco di aspettative, è un'esperienza che ha vissuto molto bene.

È stato in grado di fare tutto questo, quindi penso che sia un ottimo segno”. Rune nel prossimo turno dovrà vedersela contro un terraiolo doc quale Ruud e si prospetta un’altra partita di gran livello.