Roland Garros - Jannik Sinner soffre ma vince nonostante un incredibile dato negativo



by   |  LETTURE 4016

Roland Garros - Jannik Sinner soffre ma vince nonostante un incredibile dato negativo

Che fatica. Il punteggio finale (3-6, 6-4, 6-4, 6-3) non rende assolutamente l'idea delle difficoltà incontrate dall'atleta altoatesino e della durata complessiva della battaglia, ben 3h e 45 minuti. Jannik Sinner fa comunque il suo e batte un mai domo Roberto Carballes Baena al secondo turno del Roland Garros sul campo 14.

L'azzurro si impone nonostante un impressionante dato negativo, compensato da un fattore determinante e molto positivo: infatti, l'altoatesino vince con 58 errori non forzati commessi ma 59 vincenti. Aspetti che danno una visione chiara della prestazione, decisamente non perfetta ma combattiva, del talentuoso 20enne.

Una partita che comincia sulle ali dell'equilibrio, ma sembra lo spagnolo più 'in palla' Dal 2-2 infatti il 29enne si scatena: non sbaglia praticamente un colpo e, sempre di dritto, riesce a mettere in grosse difficoltà l'azzurro, strappandogli la battuta.

Il nativo di San Candido non varia di molto il suo gioco e, complice pochi punti diretti col servizio, soffre nei lunghi scambi e concede ancora una volta un altro game all'avversario, che si ritrova meritatamente avanti 5-2.

Il contro-break operato dall'italiano fa ben sperare in una sorta di svolta, un segnale subito cancellato dall'ulteriore break del giocatore iberico, che chiude 6-3. Nel secondo il numero 12 al mondo difende i propri turni di servizio, ma non alza di molto il livello del suo gioco, lasciando diverse opportunità al rivale specialmente col dritto (sempre potente e molto profondo).

Al quinto gioco Sinner è bravo a regalarsi due chances di break, sfruttando la seconda. Un vantaggio molto importante quello dell'altoatesino che, nonostante i tantissimi errori non forzati, difende con le unghie e i denti.

Sul 5-4, mentre serve per il parziale, l'atleta di coach Vagnozzi finisce addirittura sotto 0-40 ma grazie a diversi servizi vincenti e grande coraggio nei punti cruciali si salva e pareggia il conto dei set. È il momento della partita di Jannik, che rientra nel migliore dei modi in campo e strappa subito la battuta.

Questa volta l'altoatesino non rischia praticamente nulla nei propri turni di servizio, aumenta d'intensità nel suo gioco, seppur qualche gratuito ancora di troppo, e procede abbastanza spedito verso il 6-4 finale.

Carballes Baena perde pian piano la brillantezza di gioco dei primi due parziali, causa stanchezza fisica, ma non molla. Nel quarto set, con già tre ore trascorse, l'azzurro 'fugge' sul 2-0 ma viene ripreso immediatamente dallo spagnolo, che però riperde la battuta sul 2-2 dopo un game molto duro.

Ogni gioco diventa infinito, sia per l'italiano che soprattutto per l'iberico (circa 15 minuti per raggiungere il 3-4). Con personalità il nativo di San Candido tocca il 5-3 e si porta a un passo dal traguardo.

Sinner non aspetta neppure il successivo turno di battuta, accelera immediatamente e porta a casa il difficile confronto (6-3).

Altra maratona di 4 ore per Tsitsipas

A proposito di partite 'strane', l'ultima sul campo Suzanne Lenglen fra Stefanos Tsitsipas e Zdenek Kolar non è stata di certo da meno.

La partenza lascia presagire un andamento del match secondo pronostico, col greco che ottiene il break nel quarto gioco e si conquista il primo set per 6-3. La situazione si complica decisamente nel secondo: il nativo di Atene subisce il break, recupera lo svantaggio ma non evita il tie-break.

Il ceco lotta ma non è solido nei punti cruciali fino in fondo, il risultato è un 10-8 per la quarta testa di serie. La resa del 25enne però non avviene, si procede on serve fino a un nuovo tie-break. Questa volta Kolar 'impara' la lezione di quello precedente e strappa il parziale per 7-3, prolungando notevolmente la sfida.

Il ceco risponde colpo su colpo, si difende molto bene e trascina il finalista dello scorso anno al terzo tie-break di giornata. Avanti 6-2, in questa occasione Kolar avverte la tensione e non riesce a chiudere in nessuno dei quattro set point.

Tsitsipas recupera e ha la meglio per 9-7 (al secondo match point), alzando le braccia al cielo e staccando il pass per il terzo turno. Prossimo avversario lo svedese Mikael Ymer.