Stefanos Tsitsipas: "Un po' ingiusto se avessi perso. Musetti? Ecco cosa penso"

Il tennista greco ha elogiato Lorenzo Musetti e ha spiegato i problemi che ha avuto nei primi due set

by Giuseppe Di Lauro
SHARE
Stefanos Tsitsipas: "Un po' ingiusto se avessi perso. Musetti? Ecco cosa penso"

Stefanos Tsitsipas ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per avere la meglio di uno straripante Lorenzo Musetti soprattutto nei primi due set. L’ellenico strappa di forza e d’esperienza la sfida valevole per il primo turno del Roland Garros in cinque set.

Punteggio finale: 5-7,4-6, 6-2, 6-3, 6-2. L’ellenico ha alzato tantissimo il suo livello di tennis dal terzo set in poi quando oramai sembrava alle corde "Mi sento come se fossi appena uscito da una passeggiata sulla spiaggia, fresco (sorride n.d.r).

Devo lavorare molto duramente per ottenere qualcosa in questa vita. Le cose non arrivano magicamente. Mi rifiuto di arrendermi. È così che faccio le cose. Non si pensa mai alla possibilità di rimontare da due set a zero: si gioca punto per punto e si vuole che i propri sforzi vengano ripagati su una scala più ampia, nel lungo periodo.

Trovarsi in questa situazione è come avere davanti a sé una montagna da scalare. Oggi sono riuscito a risalire la china e, a poco a poco, a ritrovare l'inerzia positiva all'interno della partita, con fermezza e costanza".

Parole al miele nei confronti di Musetti "Sapevo che avremmo avuto una partita come questa. L'ho detto, è un combattente. È un giocatore di grande talento, dotato di un ottimo rovescio a una mano. Sa come giocare sulla terra battuta, è cresciuto in queste condizioni.

È sicuramente un avversario molto difficile da affrontare, in qualsiasi circostanza”.

Dal terzo set in poi si è visto un altro Tsitsipas

Su dove pensa di averla vinta "Quando ho iniziato a trovare il mio servizio, quella è stata la chiave.

All'inizio il mio servizio era molto debole, non nei primi game della partita, ma più che altro poco dopo. È crollato completamente, non c'era e questo mi ha spiazzato. Quando sono riuscito a trovare una certa continuità con il mio servizio, le mie routine e tutto il resto, ho capito che la partita sarebbe stata completamente diversa.

Sentivo di servire meglio di lui, di creare più opportunità con il mio servizio e di mettergli molta più pressione. Dal mio punto di vista, sarebbe stato un po' ingiusto se il risultato di oggi fosse stato diverso".

Se ci sono stati problemi fisici nei primi due set "È stata una questione mentale, assolutamente. Non so cosa fosse esattamente, ma mentalmente non ero in campo. Ero da un'altra parte, completamente frustrata con me stesso.

La domanda è: cosa ho fatto per sentirmi così nella prima partita di un Grande Slam? Credo di essere stato troppo concentrato sul futuro, pensando ad altre cose piuttosto che essere concentrato al 100% sul presente e su ciò che stavo facendo.

Tuttavia, il mio istinto di sopravvivenza è emerso nel terzo set. Credo di non aver avuto altra scelta se non quella di tirarlo fuori. Ne avevo bisogno, l'ho dimostrato e alla fine sono riuscito ad andare fino in fondo".

Stefanos Tsitsipas, che è il finalista della passata edizione del Roland Garros, affronterà al secondo turno Zdenek Kolar.

Stefanos Tsitsipas Lorenzo Musetti
SHARE