Roland Garros, gli highlights della finale femminile fra Swiatek e Kenin



by   |  LETTURE 1073

Roland Garros, gli highlights della finale femminile fra Swiatek e Kenin

Iga Swiatek si è abbattuta come una tempesta su Parigi, trascinando con se tutte le avversarie che durante l'edizione 2020 del Roland Garros ha incontrato sul suo cammino. Un'avanzata trionfale che le ha permesso di vincere il suo primo torneo dello Slam, senza lasciare per strada nessun set.

Fra le tenniste che hanno ricevuto una lezione dalla 19enne polacca, c'è anche la ex vincitrice del torneo e testa di serie numero uno del seeding Simona Halep. Swiatek si è ripresa la rivincita dopo che l'anno scorso era stata la rumena a sbatterla fuori dal torneo al primo turno con il punteggio di 6-1 6-0.

In questa edizione al quarto turno la giovanissima tennista polacca ha sconfitto Halep 6-1 6-2.

In finale Swiatek, che con questo risultato entrerà nella top venti, ha sconfitto l'americana Sofia Kenin, gia vincitrice dell'Australian Open 2020.

Partita c'è stata solo nel primo set che la polacca ha saputo gestire bene grazie a una migliore partenza nei primi giochi che le ha permesso subito di volare sul 3-0. Poi ha subito il ritorno di Kenin che si era portata sul 3-3 ma senza riuscire a comandare gli scambi che sono sempre rimasti in mano della tennista polacca.

Dopo aver chiuso la prima frazione 6-4, nel secondo set non c'è stata storia, complice anche un infortunio dell'americana che non le ha più permesso di esprimere il suo miglior tennis. Così il match scivola velocemente verso il talento classe 2001 che con un 6-1 finale si aggiudica set, match e torneo.

Iga Swiatek aveva dichiarato al suo allenatore che entro due anni avrebbe voluto entrare nelle prime dieci della classifica generale WTA. Con il risultato ottenuto a Parigi, la giovane tennista è già arrivata a metà dell'opera.

Ciò che ha colpito tutti gli addeti ai lavori è stata la sua determinazione e capacità di gestire i momenti più importanti del match dimostrando una maturità inaspettata rispetto alla pochissima esperienza che ha nel circuito maggiore.