Roland Garros - Prosegue la favola Trevisan, è agli ottavi. Cecchinato ko con Zverev



by   |  LETTURE 4528

Roland Garros - Prosegue la favola Trevisan, è agli ottavi. Cecchinato ko con Zverev

Dal nostro inviato a Parigi Non vuole saperne di fermarsi Martina Trevisan, la cui favola sta incuriosendo anche i giornalisti on-site qui al Roland Garros. Già l’impresa contro Coco Gauff al turno precedente aveva stupito tutti, ma in pochissimi si aspettavano che la 26enne di Firenze avrebbe fatto ancora meglio dinnanzi a Maria Sakkari.

Dopo aver racimolato un solo game nel primo set, la toscana non ha mollato vendendo cara la pelle nel secondo set. Martina ha dilapidato un vantaggio di 5-2 nel tiebreak, essendo poi costretta ad annullare ben due match point che avrebbero smontato la fiducia di chiunque.

Non quella di Trevisan. L’azzurra ha portato a casa il ‘jeu decisif’ insinuando ulteriori dubbi nella mente della greca, che nel terzo ha sciupato innumerevoli occasioni prima di cedere 1-6 7-6(6) 6-3 in due ore e 39 minuti.

L’urlo liberatorio di Trevisan ha scosso tutto il complesso parigino, ridotto a pochissimi individui viste le restrizioni e l’orario tardo. Ad attendere la fiorentina, che disputerà il suo primo ottavo di finale in un Major, c’è Kiki Bertens, numero 5 del seeding.

C’è un unico precedente, vinto piuttosto nettamente dall’olandese lo scorso anno a Charleston. Il remake della semifinale edizione 2019 dura meno di sessanta minuti. Simona Halep ritrova Amanda Anisimova sul Philippe Chatrier e sul set del terzo turno modifica completamente il copione.

La numero due del mondo aggancia il diciassettesimo successo consecutivo - il ventiduesimo nelle ultime ventitré partite - con un 6-1 6-0 che certifica grazie a quindici winners, la miseria di sette unforced e uno stratosferico 31/60 on return.

Centra il traguardo "quarto turno" anche Elina Svitolina - che qui a Parigi non ha mai superato il taglio dei quarti di finale - costretta agli straordinari solamente ai piedi del traguardo con Ekaterina Alexandrova.

Emblematico a ogni modo il 6-4 7-5 finale. La tennista ucraina troverà adesso Caroline Garcia, vittoriosa in volata contro Elise Mertens.

Cecchinato non può nulla contro Zverev

Quasi in contemporanea alla splendida vittoria di Trevisan, sul Suzanne Lenglen si affrontavano Marco Cecchinato e Alexander Zverev.

La maratona tra Stan Wawrinka e Hugo Gaston ha allungato oltremodo il programma sul secondo campo per importanza dello Slam parigino, senza dimenticare la sosta di un’ora e mezza dovuta alla scrosciante pioggia abbattutasi sulla capitale francese nel pomeriggio.

Le condizioni non hanno di certo aiutato il siciliano nel suo tentativo di impresa, visto che la pallina saltava poco e l’azzurro non ha potuto sfruttare tutto il suo arsenale come avrebbe voluto. Dopo un primo set a senso unico, Ceck ha avuto una grandissima chance nel secondo set, quando aveva brekkato Zverev grazie anche ad un passaggio a vuoto del tedesco.

Il palermitano è arrivato fino al 5-4 30-0, ma nel frangente di maggiore difficoltà Sascha ha innalzato il suo livello, evidenziando progressi notevoli rispetto alle incertezze dei primi due round (soprattutto contro Pierre-Hugues Herbert).

Il vincitore delle ATP Finals 2018 ha infilato una striscia di tre game consecutivi, frutto dello scoramento di Cecchinato che vedeva passare invano l’unico treno della sua partita. A Marco va riconosciuto il merito di non aver ceduto di schianto nel terzo parziale, ma l’inerzia era ormai tutta dalla parte di Alexander.

6-1 7-5 6-3 recita lo score, che proietta Zverev agli ottavi contro Jannik Sinner e lascia a Cecchinato la sensazione di essere sulla strada giusta. “La chiave è stata il secondo set. Se lo avessi vinto, sarebbe stata tutta un’altra partita.

Giocatori di questo calibro ti concedono al massimo un'opportunità in tutto il match, devi riuscire a sfruttarla. Sono rimasto in partita dopo il 6-1 iniziale e ho rischiato di vincere il secondo set, mentre nel terzo ho avuto una chance di riagganciarlo nel finale.

Lì è stato bravo Zverev, ha giocato degli ottimi punti. La programmazione? Ancora devo parlare con Sartori, nei prossimi giorni decideremo cosa fare” – ha dichiarato Marco ai giornalisti italiani.