Ecco chi vincerà il Roland Garros secondo Boris Becker



by   |  LETTURE 7784

Ecco chi vincerà il Roland Garros secondo Boris Becker

A causa dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus, quest’anno il Roland Garros si disputerà dal 27 settembre all’11 ottobre e, quindi, in un contesto del tutto differente rispetto alle scorse edizioni.

Uno dei fattori che condizionerà la velocità dei campi e le condizioni di gioco sarà sicuramente la temperatura, molto più bassa ed incerta. Rafael Nadal, che a Parigi ha vinto dodici volte ed è un vero e proprio maestro su questo tipo di superficie, arriverà al Roland Garros con sole tre partite disputate negli ultimi sei mesi e mezzo.

Lo spagnolo avrebbe voluto giocare sicuramente più match, ma ai quarti di finale degli Internazionali BNL d’Italia ha dovuto fare i conti con un Diego Schwartzman in grande spolvero ed ha ceduto in due set.

Becker esprime il proprio pensiero sulla prossima edizione del Roland Garros

Nonostante queste premesse, risulta difficile non considerare Nadal il favorito assoluto della 118ª edizione dell'Open di Francia.

È questa l’idea di Boris Becker, che ai media tedeschi, durante il torneo di Amburgo, ha parlato proprio dello Slam parigino. “Sono sicuro che Rafa quest’anno soffrirà più del necessario, ma è ancora il favorito” , ha dichiarato l’ex numero uno del mondo.

“La mia prima scelta, come ho detto prima, è Nadal. Ad ottobre non farà così caldo a Parigi e questo potrebbe influenzare il gioco dello spagnolo. Dopo di lui, ovviamente, scelgo Novak Djokovic e Dominic Thiem.

Anche se è vero che quest’anno ci sono più possibilità per tutti, in questo Slam tutto può succedere. Lo abbiamo visto già agli US Open” . Becker ha infine espresso alcune importanti considerazioni sulla sconfitta subita da Nadal a Roma la scorsa settimana.

“Schwartzman ha dimostrato che Rafa non è invincibile sulla terra battuta come molti pensano. Le condizioni di gioco a Roma sono molto simili a quello che troveremo a Parigi. Con questa umidità la pallina non rimbalza molto sulla terra battuta, soprattutto durante la sessione serale.

Nadal potrebbe sfruttare i primi turni per raggiugnere un ritmo competitivo ed alzare il livello nelle fasi finali del torneo” .