Forget: "Djokovic non ha premuto per rinviare il match"


by   |  LETTURE 2425
Forget: "Djokovic non ha premuto per rinviare il match"

Perché il match tra Dominic Thiem e Novak Djokovic non è stato ripreso se le nuvole hanno concesso una tregua a Parigi e non hanno scaricato pioggia per più di un’ora e mezza dopo l’interruzione? È la domanda che ha provocato più di una polemica ieri ed hanno costretto l’organizzazione del torneo a chiarire la decisione che ha fatto rimandare l'incontro a questo pomeriggio.

Il match, interrotto alle 17.41 di un pomeriggio incredibilmente ventoso, ha visto la pioggia apparire molto più tardi, lasciando uno spazio di tempo in cui la partita avrebbe potuto se non concludersi, almeno continuare.

"È una decisione del torneo dovuta alle previsioni del tempo", ha dichiarato il supervisore Wayne McKewen. "I giocatori potranno riposare ciò ci permette di inserirli domani prima che le ragazze giochino la finale alle 15:00”.

Alle 7:40 del pomeriggio, due ore dopo l'interruzione, la pioggia non si era ancora palesata sul Roland Garros. Ha fatto discutere, a tal proposito, che il numero 1 del mondo Novak Djokovic avesse già lasciato lo stadio prima dell'annuncio pubblico del torneo; Dominic Thiem invece ha cenato nella Hall dei giocatori con la sua squadra e la sua ragazza Kristina Mladenovic.

"Le raffiche sono passate da 40 a 80 km / h e c'era incertezza sulla tempesta che doveva ancora arrivare”, ha detto Guy Forget, il direttore del torneo. "I giocatori si erano già fermati due volte.

È doloroso per tutti, specialmente per i giocatori, affrontare questa situazione. Il tempo aveva previsto una nuova tempesta 45 minuti dopo l’interruzione. Queste incertezze ci hanno portato a optare per un rinvio immediato"

"Il protocollo prevede che prima si parli con i giocatori e poi si comunichino gli annunci e le decisioni al pubblico. Anche se hanno visto Novak Djokovic andare via, non vuol dire che abbia spinto per interromper l’incontro.

I due sono stati avvertiti esattamente nello stesso momento. Si sono guardati e si sono detti l'un l'altro: "Va tutto bene, va tutto bene" A tal proposito, Wayne McKewen ha confermato che la finale maschile si svolgerà domenica.

Djokovic aveva già affrontato una situazione simile nel 2015, quando sabato dovette concludere la sua semifinale contro Andy Murray. I possessori dei biglietti saranno rimborsati per intero ma, a differenza di mercoledì, non potranno accedere sul Philippe-Chatrier perché i tagliandi sono già stati interamente venduti.