ROLAND GARROS - Roger Federer e Novak Djokovic agli ottavi col singhiozzo



by   |  LETTURE 3337

ROLAND GARROS - Roger Federer e Novak Djokovic agli ottavi col singhiozzo

Roger Federer avanza con più fatica del previsto agli ottavi di finale del Roland Garros, battendo per la quinta volta su 5 Dmitry Tursunov col punteggio di 7-5 6-7(7) 6-2 6-4. Il russo, reduce da una stagione finora non brillantissima e sconfitto appena un mese fa dal numero 824 del mondo a Barcellona, ha comunque dato filo da torcere allo svizzero, in grado di trovare il primo break dell'incontro solo nel dodicesimo gioco.

Il copione stava per ripetersi nel secondo set, che Roger si è fatto sfuggire al termine di un tie-break mozzafiato per 9 punti a 7, dopo aver sprecato due setpoint sul 6-5 e servizio avversario. Gli sprechi non sono mancati nemmeno al tie-break, iniziato con un parziale di 4-1 per Federer, con una terza palla del set annullata da Tursunov sul 6-7.

Ferito nell'orgoglio, Federer ha subito strappato il servizio al russo nel terzo set, chiuso poi con doppio break. Nel quarto set è stato poi il fatidico settimo game a decidere il parziale e dare la vittoria alla quarta testa di serie del torneo.

Con la vittoria di oggi lo svizzero proroga il testa a testa con Nadal riguardante il totale di vittorie a Parigi (61 pari), e approda agli ottavi per il decimo anno consecutivo (nel lontano 2004 uscì al 3T). Si tratta inoltre di ulteriore passo verso la riconquista del nr.3 al mondo (sorpasso a Wawrinka in caso di semi).

Ma occhio al suo prossimo avversario: Ernests Gulbis, col quale è sì in vantaggio negli scontri diretti (2-1, tutti datati 2010), ma il pronostico sembra più che aperto. Su terra il lettone lo ha già battuto a Roma e trascinato al terzo una settimana dopo a Madrid, e quello odierno sembra un Gulbis ben più forte di 4 anni fa.

Ne sa qualcosa Radek Stepanek, oggi battuto per 6-3 6-2 7-5, ma comunque felice per aver superato almeno un turno al Roland Garros dopo 5 anni di astinenza Prosegue col singhiozzo anche la marcia di Novak Djokovic. Dopo Chardy (9-0, nessun set vinto dal francese), Nole fa fuori un'altra delle sue 'vittime' preferite: Marin Cilic, sotto prima d'oggi 8-0 nei precedenti, è andato ko per 6-3 6-2 6-7(2) 6-4 nel derby dei Balcani.

Nell'ultimo precedente, che risale proprio a quest'anno ad Indian Wells, il croato annichilì Nole per una buona mezzora, rifilandogli addirittura un 6-1 nel primo parziale. Oggi, almeno inizialmente, sembrava ancora meno.

Sotto 1-3, Djokovic ha infatti inanellato 5 games di fila per portarsi a casa il primo set. La mattanza è continuata nel secondo set, ma il terzo si è rivelato più equilibrato di quanto si potesse sperare a quel punto, anzi: Nole ha prima rimesso in piedi il parziale recuperando un break di svantaggio, ma giunto al tie-break ha subito un nuovo calo, permettendo a Cilic di vincere il suo terzo set in carriera contro di lui.

Nel quarto set Nole ha però riordinato le idee, allungando fino al 4-1 con ben 5 opportunità per il 5-1. Quindi un nuovo black-out, che riportava Cilic in parità, prima della zampata finale del serbo, comunque costretto a stare in campo per più di 3 ore.

Agli ottavi, rivincita con Tsonga (dopo il quarto del 2012 in cui Jo sprecò 4 match point). RISULTATI - Terzo Turno 13-Jo-Wilfried Tsonga (France) beat 22-Jerzy Janowicz (Poland) 6-4 6-4 6-3
10-John Isner (U.S.) beat 17-Tommy Robredo (Spain) 7-6(13) 7-6(3) 6-7(5) 7-5
6-Tomas Berdych (Czech Republic) beat 27-Roberto Bautista (Spain) 6-1 6-2 6-7(4) 6-4
2-Novak Djokovic (Serbia) beat 25-Marin Cilic (Croatia) 6-3 6-2 6-7(2) 6-4
4-Roger Federer (Switzerland) beat 31-Dmitry Tursunov (Russia) 7-5 6-7(7) 6-2 6-4
18-Ernests Gulbis (Latvia) beat Radek Stepanek (Czech Republic) 6-3 6-2 7-5