Jannik Sinner raggiunge Roger Federer: la sorprendente statistica che li accomuna

Ad Halle il tennista italiano ha messo in bacheca il 14esimo trofeo della carriera

by Luca Ferrante
SHARE
Jannik Sinner raggiunge Roger Federer: la sorprendente statistica che li accomuna
© Getty Images

Jannik Sinner si conferma infallibile quest'anno nelle finali: su 4 atti conclusivi disputati (uno Slam, un 1000 e due Atp 500) l'altoatesino ha sempre vinto. Un dato impressionante che fa comprendere il valore della stagione fin qui del tennista italiano, che ha rafforzato ulteriormente la vetta nel ranking salendo a quota 9890.

C'è sicuramente un altro traguardo raggiunto da affascinare l'azzurro al termine dell'evento sull'erba tedesca: il 22enne di San Candido è diventato il secondo tennista della storia, dopo naturalmente Roger Federer, a vincere il torneo di Halle da numero uno del mondo.

Il campione svizzero ci è riuscito in quattro occasioni, dal 2004 al 2006 e nel 2008; l'atleta allenato da Simone Vagnozzi e Darren Cahill può augurarsi di poterci riprovare l'anno prossimo per avvicinare il record di Re Roger e questo significherebbe che arriverebbe alla vigilia della competizione nuovamente da numero uno.

Un bel trionfo, il primo su questa superficie, quello portato a casa: Sinner ha dovuto lottare e non poco durante tutta la settimana.

Il sorteggio lo ha 'costretto' a misurarsi, fin dalla sfida d'esordio, con diversi giocatori ostici che possono esprimersi molto bene sull'erba. L'altoatesino ha disputato nelle prime tre partite il terzo set, riuscendo tutte le volte a spuntarla con grande lucidità e solidità al servizio e in risposta.

Non poteva esserci preparazione migliore in vista di Wimbledon, che comincerà esattamente fra sette giorni.

Jannik Sinner Roger Federer
SHARE