Roger Federer chiarisce: "Non sono arrivato al vertice solo con il talento puro"

Emozionante discorso dello storico tennista davanti a una grande folla

by Mario Tramo
SHARE
Roger Federer chiarisce: "Non sono arrivato al vertice solo con il talento puro"
© Dia Dipasupil/Getty Images

Non ha studiato ma per molti è stato definito un dottore del tennis. Così Roger Federer ha ricevuto domenica scorsa un dottorato ad honoris in lettere umane dall'Università di Dartmouth dove ha ringraziato e ha parlato con un toccante discorso davanti a ben 11 Mila persone.

Il talento di Basilea si è raccontato smentendo il credo comune che lui sia solo talento e nient'altro e parlando delle sue sofferenze: "Ho lasciato la scuola a 16 anni per giocare a tennis a tempo pieno. Non sono mai andato al college e posso dire di essermi diplomato in tennis.

La dicitura corretta è ritirato dal tennis ma questa parola è orrenda, semplicemente ho chiuso con un percorso importante e sto passando a una cosa successiva. In molti mi chiedono cosa faccio dopo il tennis e la realtà è che non lo so e va bene non saperlo.

Sono un papà che gioca e vive con i figlie mi godo la vita da laureato in tennis e oggi voglio condividere alcune lezioni con tutti voi". Il tennista ha poi continuato: "In tutta la carriera mi facevano complimenti perché il tennis non lasciava trasparire sforzi e sembrava quasi che non sudassi.

Non è vero, ho lavorato duramente per rendere il mio tennis facile, sono stato anni ad imprecare prima di mantenere la calma e la verità è che non sono arrivato dove sono con il talento puro, ci sono arrivato cercando di superare i miei avversari e credendo in me stesso.

Non si tratta di avere un dono bensì bisogna mettere grinta e coraggio. Nel tennis come nella vita, la disciplina è un talento. E così lo è possedere pazienza". Federer conclude emozionando tutti e svelando: "Avere fiducia in sé stessi è un talento abbracciare ed amare il processo sono talenti.

Insomma vestire la tua vita fa parte di un talento". Non è tutto già dato ma va conquistato, il campione ha voluto ricordarlo ancora una volta.

Roger Federer
SHARE