Mouratoglou si esprime sul GOAT: il pensiero su Novak Djokovic e Roger Federer



by LUCA FERRANTE

Mouratoglou si esprime sul GOAT: il pensiero su Novak Djokovic e Roger Federer
© Clive Brunskill/Getty Images

Patrick Mouratoglou, nella rubrica 'The eye of the coach' di Tennis Majors, è tornato a parlare del dibattito sempre acceso e in primo piano sul GOAT. Il coach francese ha voluto mettere un po' a confronto Novak Djokovic, autore di un'altra stagione incredibile con 3 titoli del Grande Slam conquistati e le Finals a Torino, e lo svizzero Roger Federer.

"Sento spesso che quello che Roger ha fatto tra il 2017 e il 2019 è buono quanto quello che Novak sta facendo adesso e che Roger è stato un giocatore migliore nel 2017 e nel 2018 rispetto agli anni prima. Credo invece che ci sia una grande differenza.

Penso che Federer sia stato un tennista migliore dal 2018, in realtà per una ragione principale: il suo rovescio. Ha preso una decisione importante e ha iniziato a prendere la palla molto prima con il rovescio e a restituirla piatta invece che tagliata.

Questo ha fatto una grande differenza" è l'analisi del 53enne. I numeri sono tutti dalla parte del campione serbo: un aspetto che l'ex allenatore di Holger Rune ha fatto abbastanza emergere nel pubblicare il suo pensiero sul tema, che continua a dividere e far discutere gli appassionati di tutto il mondo.

"A 36 e 37 anni, Roger non poteva vincere tre dei quattro tornei del Grande Slam, essere costante durante tutto l'anno ed essere davvero un gradino sopra tutti i giocatori. Ciò non è accaduto. La differenza la fa Nole: fisicamente oggi sta bene come quando aveva 26 anni.

Questa è una grande differenza. Quando sei a quel livello fisico puoi essere costante durante tutto l’anno e battere costantemente i migliori giocatori del mondo" ha aggiunto Mouratoglou per rinforzare la sua tesi.

Novak Djokovic Roger Federer