Lorenzo Musetti: "Mi sarebbe piaciuto tanto poter giocare contro Roger Federer"

Il tennista italiano ha rivelato uno dei sogni che non potrà più realizzare

by Antonio Frappola
SHARE
Lorenzo Musetti: "Mi sarebbe piaciuto tanto poter giocare contro Roger Federer"

“Non cambierei mai il mio tennis. Magari in campo ho bisogno di più tempo di altri, ma credo sia più gratificante rimanere fedeli a se stessi. E ai sogni che abbiamo nel cassetto” . Lorenzo Musetti ha le idee chiare e la voglia di imporsi ad alti livelli rimanendo fedele al suo repertorio: caratterizzato da giocate spettacolari e un tennis tanto vario quanto fantasioso.

Il talento di Carrara è riuscito a portare una ventata d’aria fresca nel Tour ATP dotandosi di un arsenale appartenente a tempi che sembravano ormai superati. Musetti ha aggiornato il suo palmarès due volte lo scorso anno - Amburgo e Napoli - mostrando la sua personalità anche nel mondo dei grandi.

Significativo il successo ottenuto in finale contro Carlos Alcaraz all’Hamburg European Open nel 2022. Un avversario contro cui dovrà misurarsi in futuro per realizzare i suoi sogni.

Musetti: "Mi sarebbe piaciuto sfidare Federer"

"Partita della vita? Mi sarebbe piaciuto tanto poter giocare contro Roger Federer, ora non è più possibile" , ha dichiarato Musetti in un'intervista esclusiva rilasciata al quotidiano La Stampa a Stefano Semeraro.

In più di un'occasione, Musetti ha ribadito la profonda ammirazione che nutre nei confronti della leggenda svizzera. L'italiano ha avuto l'opportunità di allenarsi con Federer; mai di affrontarlo in una partita ufficiale.

Considerando le caratteristiche tecniche di Musetti, non è difficile immaginare il modello seguito nel tempo e quella volontà di unire concretezza e spettacolarità. Non è un caso che proprio dopo aver vinto il suo primo match a livello ATP - contro Stan Wawrinka al Masters 1000 di Roma nel 2020 - Musetti abbia ammesso: "Federer è il mio punto di riferimento da sempre" .

La difesa del titolo ad Amburgo non è andata nel migliore dei modi - si è lasciato sorprendere da Laslo Djere ai quarti - ma l'obiettivo e fare bene nel corso della stagione americana. "È una tournée lunga, faticosa, ma non ho punti da difendere.

In Canada non ho mai giocato, a New York ho ricordi bellissimi legati alla finale da Under 18 e poi è una città incredibile" . Photo Credit: Getty Images

Lorenzo Musetti Roger Federer
SHARE