Marcus Willis, il maestro di tennis che sfidò Federer a Wimbledon ci prova ancora

La seconda vita di “The Miracle Man” , il maestro che affrontò Federer a Wimbledon

by Antonio Frappola
SHARE
Marcus Willis, il maestro di tennis che sfidò Federer a Wimbledon ci prova ancora

Marcus Willis ha sicuramente dato vita a una delle storie più surreali e incredibili del mondo del tennis. Non è un caso che nel giro di poche settimane la stampa britannica decise di affibbiargli l’appellativo “The Miracle Man” .

L’uomo dei miracoli partecipò alle pre-qualificazioni di Wimbledon 2016 grazie all’improvviso ritiro di un suo connazionale, impossibilitato a raggiungere Londra in tempo per scendere in campo. Il primo miracolo si materializzò proprio in questo contesto: Willis si aggiudicò uno dei posti disponibili per giocare le qualificazioni da numero 772 del ranking ATP.

Nel percorso che lo ha portato a disputare il suo primo match in uno Slam, il britannico eliminò prima Andrey Rublev e poi Daniil Medvedev. In quei giorni avrebbe dovuto iniziare il suo nuovo lavoro da maestro di tennis a Philadelphia, ma il destino e una inaudita forza di volontà gli permisero di esordire a Wimbledon con una vittoria ai danni di Ricardas Berankis.

Il sorteggio contribuì poi ad alimentare il racconto di una favola quasi irripetibile e lo catapultò sul Campo Centrale dell’All England Club in presenza di sua maestà Roger Federer.

Willis, il maestro di tennis che sfidò Federer a Wimbledon

Matija Pecotic ha vissuto una storia simile a Delray Beach quest’anno, quando ha vinto il suo primo match nel circuito maggiore contro Jack Sock.

Il 33enne ha superato le qualificazioni, a cui ha preso parte a causa del ritiro di Yosuke Watanuki, e si è spinto fino agli ottavi di finale. Per il croato il tennis non è mai stato un vero lavoro: appartiene al mondo della finanza e ha conseguito due lauree.

“Ero semplicemente felice per lui. È una cosa strana. È bello che accadano eventi del genere nello sport. Molti giocatori raggiungono la top 200 ma non hanno questa fortuna” , ha spiegato Willis al sito ufficiale dell’ATP soffermandosi sulla storia di Pecotic.

Il britannico ha conquistato la 206esima posizione del ranking, ma una brutta infezione da stafilococco e l’inizio della pandemia da Covid-19 lo hanno spinto a rinunciare a una carriera a tempo pieno e accettare un posto in ufficio.

“La sua storia mi ha riportato indietro nel tempo. Queste storie possono essere anche fuorvianti. Molte persone hanno avuto l’impressione che fossi un allenatore di tennis che per caso ha deciso di iscriversi a Wimbledon.

Anche Pecotic è stato in qualche modo fatto passare per un ragazzo che lavora in ufficio e batte Sock dal nulla. Ma in questo modo non gli viene riconosciuto tutto il lavoro svolto negli anni. Io ho una famiglia e non potevo continuare a inseguire quel sogno.

Dopo Wimbledon ho giocato alcuni tornei e poi mi sono infortunato. Nel 2018 ho giocato il mio ultimo match in singolare. È stato difficile” . Willis ha iniziato a giocare tornei ufficiali in doppio nel 2022 a livello ITF e Challenger.

"Una persona ha assistito al mio match d'esibizione e mi ha detto: 'Posso offrirti uno sponsor per tornare nel Tour' . Non mi sono fatto ripetere la stessa cosa due volte. Ho dovuto lavorare per riprendere la forma. Qualcuno ha visto ancora una volta un potenziale in me" .

Quando ha scoperto che Federer avrebbe detto addio al tennis alla Laver Cup, Willis ha provato una forte emozione e rivelato di aver pianto. Photo Credit: AFP

Wimbledon
SHARE