Annacone svela quale soprannome aveva Roger Federer da bambino



by   |  LETTURE 2145

Annacone svela quale soprannome aveva Roger Federer da bambino

Roger Federer è stato uno degli atleti più longevi dell’era moderna, tanto da essere diventato una fonte di ispirazione anche per i campioni di altre discipline. La carriera dello svizzero è terminata quest’anno alla Laver Cup, l’esibizione da lui stesso fondata nel 2017, dopo aver giocato la sua ultima partita al fianco del suo storico rivale Rafael Nadal.

L’ex numero 1 del mondo ha deciso di appendere la racchetta al chiodo a 41 anni, essendosi reso conto di non poter più competere ai massimi livelli a causa delle condizioni del suo ginocchio. Il 20 volte campione Slam aveva provato un timido rientro l’anno scorso, collezionando nove vittorie e quattro sconfitte.

Il Re non era andato oltre gli ottavi al Roland Garros e i quarti a Wimbledon, prima di sottoporsi all’ennesima operazione al ginocchio destro. La leggenda di Basilea ha assicurato che non si allontanerà dallo sport che lo ha reso un’icona globale.

Ai microfoni di Tennis Channel, Paul Annacone ha raccontato alcuni aneddoti relativi alla sua collaborazione con Federer.

Annacone parla di Federer

“La gente era convinta che per Roger Federer fosse tutto semplice e che non avesse bisogno di lavorare duramente.

La sua eleganza ha tratto in inganno molte persone” – ha confidato Annacone. “Vi posso garantire che i suoi allenamenti con Pierre Paganini e Severin Luthi erano molti intensi sia in palestra che in campo.

Un altro aspetto di Roger che mi intrigava tantissimo era la sua curiosità. Era aperto ad ascoltare nuove idee, ma chiedeva sempre perché avrebbe dovuto fare una determinata cosa. Una volta mi ha detto che da bambino lo chiamavano ‘The Why Man’.

Ha continuato a seguire quel mantra dal giorno in cui ha iniziato a giocare a tennis fino al giorno in cui ha smesso di essere un professionista” – ha aggiunto Paul. Sebbene Rafael Nadal e Novak Djokovic gli abbiano strappato diversi record negli ultimi due anni, nessuno potrà mai eguagliare l’impatto che ha avuto Federer su questo sport.

Il Maestro di Basilea ha contribuito più di ogni altro ad accrescere la popolarità del tennis. Photo credit: Getty Images