La riflessione di Gilles Simon su Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic



by   |  LETTURE 2952

La riflessione di Gilles Simon su Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic

Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic hanno riscritto il libro dei record dominando il circuito maschile per un decennio e mezzo. Lo spagnolo guida la classifica all-time degli Slam a quota 22, essendosi aggiudicato gli Australian Open e il Roland Garros quest’anno.

Il serbo ha conquistato il suo 21° Major vincendo Wimbledon per la quarta volta di fila, la settima in assoluto. Il 35enne di Belgrado proverà ad agganciare Nadal già agli Australian Open 2023, dove andrà a caccia del suo decimo sigillo.

Nole ha dovuto saltare l’edizione 2022 dell’Happy Slam a causa della ben nota questione vaccinale. Federer, dal canto suo, si è ritirato il 23 settembre 2022 a 41 anni. Il Re ha disputato il suo ultimo match al fianco di Nadal alla Laver Cup, ricevendo uno splendido tributo al termine dell’incontro.

Il Maestro di Basilea ce l’ha messa tutta per regalarsi un ultimo giro di giostra, ma il suo ginocchio destro lo ha costretto a dire basta. In una lunga intervista al canale YouTube della FFT, Gilles Simon ha esaminato l’approccio dei media nei confronti dei Big 3.

Gilles Simon parla dei Big 3

“Quando Novak Djokovic ha commesso 100 errori gratuiti contro di me agli Australian Open 2016, i media hanno distorto la realtà e non mi hanno attribuito alcun merito. Non era stato un caso che Djokovic avesse commesso tutti quegli errori proprio contro di me.

La gente pensava che io non avessi alcuna chance contro Novak, anche perché lui era il numero 1 e si giocava sul suo campo preferito. Io conoscevo bene il gioco di Nole e sapevo come metterlo in difficoltà, infatti ho perso in cinque set dopo 4 ore e mezza di battaglia.

I media non sapevano come spiegarlo” – ha analizzato Simon. “La stessa cosa è avvenuta quando ho battuto Roger Federer. Non era mai merito mio, era Roger che aveva giocato male quel giorno. Questo meccanismo si ripeteva anche quando Tsonga batteva Rafa, Roger o Novak.

Con il passare del tempo, mi sono reso conto che era un modo per sminuire le nostre vittorie” – ha chiosato ‘Gillou’. Photo credit: Getty Images