Srdjan Djokovic lancia una forte critica a Roger Federer: le durissime parole



by   |  LETTURE 16611

Srdjan Djokovic lancia una forte critica a Roger Federer: le durissime parole

Un attacco netto e diretto all'indirizzo del 21 volte campione di un titolo del Grande Slam, ritirato dalla scena del tennis all'età di 41 anni nel mese di settembre al termine della Laver Cup. Srdjan Djokovic, decisamente senza peli sulla lingua, ha recentemente rivolto una pesante critica a Roger Federer durante un'intervista rilasciata al canale televisivo serbo ‘K1’.

Il padre di Novak ha seguito ed è stato accanto a suo figlio nel corso dell'annata, sicuramente travagliata e condizionata per il serbo a causa di una serie di questioni non legate strettamente al campo. Una stagione nella quale Nole non è riuscito a esprimersi al meglio delle sue potenzialità per tanti tornei, visto che in diversi casi non è riuscito neppure a prenderne parte per la non vaccinazione contro il Covid-19.

La situazione preoccupa ancora l'entourage del tennista serbo proprio in vista dell'edizione 2023 degli Australian Open, competizione Slam alla quale il nativo di Belgrado ha naturalmente tutta l'intenzione di partecipare: al momento la vicenda non ha subito importanti novità e resta dunque tanta incertezza.

"Novak è pieno di voglia ed entusiasmo di continuare dove aveva interrotto, non per sua volontà ma per quella delle persone che non gli hanno dato il diritto di decidere in quale manifestazione sportiva giocare" ha attaccato Srdjan, evidenziando come secondo lui le autorità non aiuteranno l'atleta a entrare senza problemi nel Paese nel mese di gennaio e a risolvere nell'immediato la situazione.

Le parole contro Federer

Alcune durissime parole pronunciate da Srdjan, rispondendo a una domanda, hanno fatto discutere: "Certo che non farà pressione perché è ancora il migliore. Lui lascia che facciano quello che pensano di dover fare, sarà il più grande atleta di tutti i tempi.

Sarà così per altri due anni, purché pianifichi bene la propria programmazione. Per come ha giocato Roger Federer, per altre cose che non hanno nulla a che fare con lo sport, mio ​​figlio può giocare quanto vuole. Ma non lo farà perché è serbo, perché è Djokovic" ha concluso.