Il direttore dell'ATP di Basilea commenta la decisione di Roger Federer

Federer ha giocato la sua ultima partita alla Laver Cup

by Simone Brugnoli
SHARE
Il direttore dell'ATP di Basilea commenta la decisione di Roger Federer

L’ultima apparizione di Roger Federer alla Laver Cup ha fatto scendere qualche lacrima a tutti gli appassionati di tennis. Dopo 24 anni di straordinaria carriera, il fenomeno svizzero ha deciso di appendere la racchetta al chiodo.

L’ex numero 1 del mondo ce l’ha messa davvero tutta per regalarsi un ultimo giro di giostra, ma il suo ginocchio gli ha fatto capire che era giunto il momento di dire basta. Gli ultimi due anni e mezzo erano stati un autentico calvario per il Re, impossibilitato a giocare come e quanto avrebbe desiderato.

Il 20 volte campione Slam aveva provato un timido rientro nel 2021, giocando appena 13 match ufficiali e fermandosi nuovamente dopo Wimbledon. All’inizio di quest’estate il Maestro ha provato ad aumentare i carichi di lavoro, ma si è reso conto di non poter andare avanti.

La risonanza a cui si è sottoposto lo scorso luglio ha confermato i suoi timori. Il torneo di Basilea aveva in mente di organizzare una cerimonia in onore di Roger, ma quest’ultimo ha declinato l’invito. Nel corso di un’intervista a ‘Tages Anzeiger’, il direttore del torneo Roger Brennwald ha commentato la decisione di Federer.

Federer non sarà a Basilea

“Roger Federer è uno dei più grandi tennisti di ogni epoca e sarebbe stato un piacere per noi omaggiarlo durante l’edizione di quest’anno” – ha esordito Brennwald.

“Avremmo voluto celebrare la sua carriera e gli innumerevoli successi che ha ottenuto nel nostro torneo, ma capiamo che Roger ha bisogno di più tempo per smaltire tutte le emozioni provate a Londra. L’ATP di Basilea resta un appuntamento di primissimo livello.

È il torneo indoor più importante che ci sia dopo le ATP Finals e il Masters 1000 di Parigi-Bercy” – ha aggiunto. In una lunga intervista a ‘Punto de Break’, Ivan Ljubicic è tornato sulla decisione di Federer di ritirarsi: “Per lui continuare significava vincere tornei, non qualche partita.

Si è accorto che non poteva più competere ai massimi livelli, perché il suo ginocchio non sopportava certi sforzi. Continuare a giocare come aveva fatto nel 2021 non era un’opzione per lui”. Photo credit: Getty Images

Roger Federer Laver Cup
SHARE