Djokovic al miele su Federer: “Lascia impronta indelebile. Vorrei addio come il suo”



by   |  LETTURE 2804

Djokovic al miele su Federer: “Lascia impronta indelebile. Vorrei addio come il suo”

L’annuncio ufficiale del ritiro dal tennis di Roger Federer è avvenuto ormai due settimane fa, sei giorni fa invece c’è stata la cerimonia d’addio a lui dedicata in occasione della Laver Cup.

Sebbene sia trascorso del tempo, il fiume di emozioni che il saluto del campione svizzero ha generato continua a fluire in maniera prorompente. Le lacrime del suo eterno rivale e amico Rafael Nadal dimostrano quanto Federer abbia dato a questo sport, dentro e fuori dal campo, e ora anche l’altro illustre avversario Novak Djokovic ha deciso di tornare sull’argomento, confessando di desiderare un addio come quello dell’elvetico quando quel giorno arriverà.

“In campo ho visto i suoi figli e la sua famiglia e mi sono emozionato anche io. Ho cominciato a pensare a come sarebbe stato il mio addio al tennis e c'è di sicuro qualcosa che vorrei oltre alla famiglia e le persone vicine.

Ecco, vorrei anche io i miei più grandi avversari perché aggiunge un tocco di importanza al momento”, ha dichiarato Djokovic direttamente dall’ATP 250 di Tel Aviv.

Djokovic su Federer: “Ha lasciato un’impronta indelebile”

Sebbene abbia a più riprese specificato che il suo più grande rivale sia Rafael Nadal, il campione serbo Novak Djokovic non ha potuto, chiaramente, non esaltare la carriera e le doti umane di Roger Federer.

E l’ex numero 1 del mondo ─ oggi settimo nel ranking ATP ─ ha voluto farlo in sala stampa in occasione del torneo 250 di Tel Aviv, dove ha rilasciato parole al miele per lo svizzero: “Voglio prima dire qualcosa su Roger [Federer].

Ho un enorme rispetto per lui e per ciò che ha fatto per il tennis, dentro e fuori dal campo”, ha esordito Djokovic. “Ha vissuto una carriera epica di cui può andare orgoglioso lui e tutti quelli a lui vicini.

Ha lasciato una impronta indelebile ed eterna per il tennis. Lui è andato oltre il tennis, è uno degli atleti simbolo dello sport. Vedere Roger salutare è stato un giorno triste per il tennis, ma non avrebbe potuto immaginare un addio migliore.

Come ha detto in campo, ha celebrato con i suoi più fieri rivali, la sua famiglia e i suoi amici a Londra, una delle città più importanti per il tennis. Alla fine è stato un momento molto toccante” . Photo Credits: Twitter Laver Cup