Roger Federer sorprende: "Ho perso il lavoro ma sono felice"



by   |  LETTURE 2686

Roger Federer sorprende: "Ho perso il lavoro ma sono felice"

Il mondo del tennis ha vissuto pochi giorni fa momenti davvero molto importanti. La leggenda del tennis Roger Federer ha detto ufficialmente addio al tennis, ha salutato tutti attraverso un ultimo match, un doppio in coppia con l'amico e rivale di sempre Rafael Nadal.

I due hanno chiuso la prima giornata della competizione perdendo il doppio (dopo aver avuto anche un match point) contro la coppia di americani composta da Frances Tiafoe e Jack Sock. Alla fine il team Europe, nonostante la presenza dei Fab Four in squadra, ha perso contro il Team World, per la prima volta vincitore in Laver Cup.

Nelle ultime ore Roger Federer ha rilasciato interessanti dichiarazioni ai microfoni del New York Times ed ha raccontato gli ultimi delicati momenti della sua carriera. Ecco le sue parole nello specifico: "Le prime sensazioni dopo il ritiro? Mi sento completo, ho perso il mio ultimo match sia in singolare che in doppio, ho perso la voce a fare il tifo per i miei compagni, ho perso la sfida con il Team Europe e diciamo che ho perso il lavoro...Però sono felice.

Sto bene, sto davvero bene. C'è ironia, tutti immaginano di vivere una festa per il giorno di addio ma non è quasi mai così. Per me lo è stato e non avrei mai immaginato che sarebbe successo ciò"

Le ultime su Roger Federer

Roger Federer ha detto addio al mondo del tennis poche settimane fa, annunciando il suo 'drammatico' addio mediante una bellissima lettera. Ecco un estratto del suo saluto: "Alla mia famiglia del tennis e non solo.

Di tutti i doni che il tennis mi ha regalato in questi anni, il più grande è, senza dubbio, è quello di avermi fatto conoscere le persone durante il percorso: i miei amici, i miei avversari e soprattutto i fan.Oggi, voglio condividere delle novità con voi.

Come tutti sanno, gli ultimi tre anni hanno rappresentato una sfida per me, sotto forma di infortuni. Ho lavorato tanto per tornare, ma il mio corpo mi ha mandato messaggi chiari.Il tennis mi ha trattato meglio di quanto abbia mai sognato, ma devo riconoscere il momento in cui mettere fine alla mia carriera da professionista"