'Elegante fino all'ultimo': Roddick commenta l'ultimo match di Roger Federer



by   |  LETTURE 5420

'Elegante fino all'ultimo': Roddick commenta l'ultimo match di Roger Federer

Venerdì sera, Roger Federer ha giocato il suo ultimo match da professionista. L’ex numero 1 del mondo ha salutato il tennis condividendo il campo con il suo grande amico e rivale Rafael Nadal alla Laver Cup, perdendo contro gli americani Frances Tiafoe e Jack Sock.

È stata una serata memorabile, che ha sancito la fine di un’era. Il 20 volte campione Slam non ce l’ha fatta a trattenere le lacrime, dopo aver ringraziato tutti coloro che hanno contribuito a renderlo uno dei più grandi atleti di sempre.

Molti dei suoi colleghi erano visibilmente commossi, incluso Nadal. Non è stata una decisione facile per il Re, che ha capito di non poter più competere ai massimi livelli a causa dei guai al ginocchio. Lo svizzero ha lavorato duramente per rimettersi in forma, ma i segnali che gli ha inviato il suo corpo lo hanno indotto a porre fine alla sua carriera.

Il 41enne di Basilea ha comunque promesso che non si allontanerà dallo sport che lo ha reso un’icona globale. Ai microfoni di Tennis Channel, Andy Roddick ha reso omaggio al suo amico ed ex rivale Federer.

Roddick omaggia Federer

“Roger Federer e Rafael Nadal hanno un rapporto molto simile a quello tra Martina Navratilova e Chris Evert.

Quando si è reso conto di non poter più continuare, Roger ha voluto chiudere insieme ai suoi più grandi rivali” – ha dichiarato Roddick. “Federer ha migliorato Djokovic, Novak ha migliorato Nadal, Rafa ha migliorato Roger.

Si sono resi giocatori più completi a vicenda” – ha aggiunto. L’americano è sempre andato d’accordo con il Maestro: “Complimenti a Roger per la sua fantastica carriera. Anche durante la serata a lui dedicata, ha mostrato tutta la sua classe.

Ha voluto che tutti i membri del Team Europe facessero l’inchino insieme a lui. A livello personale, sono orgoglioso di averlo affrontato nei tornei più importanti. Mi ha battuto tantissime volte, ma è sempre stato elegante sia nella vittoria che nella sconfitta. Mi ha trattato con grandissimo rispetto in ogni occasione”.