Stan Wawrinka non si sbilancia sul rientro di Roger Federer



by   |  LETTURE 5263

Stan Wawrinka non si sbilancia sul rientro di Roger Federer

A meno di una clamorosa defezione dell’ultim’ora, Roger Federer tornerà in campo alla Laver Cup. La quinta edizione dell’esibizione da lui stesso fondata si svolgerà alla O2 Arena di Londra dal 23 al 25 settembre.

L’ex numero 1 del mondo proverà a guidare il Team Europe alla vittoria insieme a Rafael Nadal (la cui presenza è in dubbio), Novak Djokovic e Andy Murray. Il fenomeno svizzero, che non mette piede in campo da Wimbledon 2021, spera di chiudere degnamente la sua carriera dopo essersi sottoposto all’ennesima operazione al ginocchio destro.

Le ultime due stagioni sono state un autentico calvario per il Re, che non è riuscito a giocare come e quanto avrebbe desiderato. Basti pensare che il 41enne di Basilea ha disputato appena 13 match ufficiali l'anno scorso, raccogliendo nove vittorie e quattro sconfitte.

Come se non bastasse, il Maestro ha dovuto incassare il sorpasso di Nadal e Djokovic nella classifica all-time degli Slam.

Tutti aspettano Federer

Nei giorni scorsi, la stampa svizzera ha diffuso la notizia che Federer sentirebbe ancora dolore al ginocchio.

Un’indiscrezione che è stata confermata dal suo agente Tony Godsick: “Roger ha avvertito nuovamente dolore al ginocchio, ma sta continuando ad allenarsi e non ha intenzione di rinunciare a nulla”.

Qualche mese fa, il 20 volte campione Slam aveva annunciato di voler giocare qualche torneo anche nel 2023. In conferenza stampa durante gli US Open, Stan Wawrinka si è espresso sull’imminente rientro del suo illustre connazionale: “È passato troppo tempo dall’ultima apparizione di Roger Federer in campo, quindi spero che torni il prima possibile.

I fan, i tornei e gli altri giocatori vogliono rivederlo in azione. Qualsiasi appassionato di tennis sente la sua mancanza”. Oltre alla Laver Cup, l’elvetico dovrebbe partecipare anche all’ATP di Basilea. Ai microfoni di ESPN, John McEnroe ha effettuato alcune considerazioni interessanti su Roger: “Si è guadagnato il diritto di fare tutto ciò che vuole.

Anche se ha 41 anni e non gioca da una vita, la pressione sulle sue spalle sarà comunque enorme”.