Roddick snobba la Next Gen: "Ecco chi è l'unico in grado di competere con i Big 3"



by   |  LETTURE 48233

Roddick snobba la Next Gen: "Ecco chi è l'unico in grado di competere con i Big 3"

Nick Kyrgios sta vivendo uno dei momenti migliori della sua carriera. Dopo aver raggiunto la sua prima finale Slam a Wimbledon, l’australiano è tornato in campo ad Atlanta e ha conquistato il torneo di doppio insieme a Thanasi Kokkinakis.

La settimana successiva, nello specifico a Washington, Kyrgios è riuscito a fare ancora meglio e ha trionfato sia in singolare che in doppio esprimendo un incredibile livello di gioco. Il nativo di Canberra ha interrotto il digiuno, durato tre anni, proprio nell’evento che lo aveva visto sollevare al cielo il trofeo nel 2019.

Kyrgios, a partire dalla stagione sull’erba, sembra ormai aver cambiato mentalità e potrebbe rappresentare una vera minaccia per tutti gli altri tennisti agli US Open, dove con ogni probabilità sarà testa di serie.

Roddick "snobba" Sinner e Alcaraz

Parlando dell’ultimo Slam dell’anno e delle prestazioni che stanno caratterizzando il percorso di Kyrgios a Montreal, Andy Roddick ha espresso il suo punto di vista sui prossimi tornei al Rich Eisen Show.

“Kyrgios può vincere gli US Open? Lui è lì, fa parte di questo gruppo. Ovviamente dovremo fare i conti con il dramma di Novak Djokovic( la presenza del serbo a Flushing Meadows è in forte dubbio, ndr) .

Nessuno ha mai messo in dubbio le capacità fisiche di Kyrgios" , ha spiegato Roddick. "È l’unico tennista in grado di competere con i Big 3 dal punto di vista fisico, almeno secondo il mio punto di vista.

Il talento fisico, però, non sempre combacia con una perfetta forma fisica. Sicuramente non possiede la stessa forza mentale dei Big 3. Raggiungere la finale a Wimbledon, vincere diverse partite al meglio dei cinque set e giocare bene sotto pressione, sono tutto aspetti positivi per Nick.

A Washington le condizioni di gioco erano brutali: vincere sia in singolare che in doppio è stato un grande segno. Quello che ha fatto a Washington lo consacra come uno dei primi due, forse tre, favoriti agli US Open” , ha conluso l'ex tennista americano. Photo Credit: Getty Images