McEnroe avverte: "Un Roger Federer all'80% non basterebbe"



by   |  LETTURE 10565

McEnroe avverte: "Un Roger Federer all'80% non basterebbe"

Roger Federer dovrebbe rientrare alla Laver Cup, la ricca esibizione da lui stesso fondata, che si svolgerà alla O2 Arena di Londra dal 23 al 25 settembre. L’ex numero 1 del mondo chiuderà la sua brevissima stagione all’ATP di Basilea, tornato in calendario dopo che le ultime due edizioni erano state annullate a causa della pandemia.

Il fenomeno svizzero non mette piede in campo da Wimbledon 2021, che è stato il suo ultimo torneo prima dell’ennesima operazione al ginocchio destro. Il 40enne di Basilea ha disputato appena 13 match ufficiali l’anno scorso, riuscendo a conquistare nove vittorie a fronte di quattro sconfitte.

Il Re è stato superato da Rafael Nadal e Novak Djokovic nella classifica all-time degli Slam, con il serbo che gli ha strappato anche il record di settimane in vetta al ranking ATP. A meno di clamorosi e improbabili colpi di scena, il Maestro non riuscirà ad aggiudicarsi altri Major in futuro.

Ai microfoni di Eurosport, John McEnroe ha analizzato nel dettaglio le prospettive di Roger Federer.

Re Roger tornerà in autunno

“Ogni volta che inizia un torneo e non c’è Roger Federer, si sente tantissimo la sua mancanza” – ha ammesso McEnroe.

“Roger è il giocatore più elegante che abbia mai visto su un campo da tennis. Da amante di questo sport, non vedo l’ora che torni in campo” – ha aggiunto. Il sette volte campione Slam si augura che lo svizzero torni in piena forma: “Se vuole rimettersi in gioco, ha tutto il diritto di farlo e nessuno può contestare la sua decisione.

Tuttavia, un Roger all’80% non basterebbe per tornare competitivo alla sua età. Ce ne siamo accorti con Andy Murray, che non ha ottenuto risultati degni del suo nome”. Anche Fernando Gonzalez si è espresso sul rientro del Maestro: “Federer conosce benissimo il suo corpo ed è circondato dalle persone giuste.

Bisognerà vedere come reagirà il suo fisico tra una partita e l’altra, è quello l’aspetto cruciale. Dubito che possa vincere un altro Slam, ma nei tornei al meglio dei tre set può ancora dire la sua”.